logo

In Svizzera si mangia meno carne

Il consumo pro capite lo scorso anno ha subito una flessione del 3,4%

 
25
aprile
2013
12:15
ats

ZURIGO - In Svizzera si mangia meno carne. Il consumo pro capite ha raggiunto l'anno scorso 51,72 chilogrammi, in calo del 3,4% rispetto al 2011. Il consumo complessivo ha registrato una flessione del 2,3% a 421'018 tonnellate: una cifra che supera comunque del 3,5% la media degli ultimi 10 anni.
Le cifre - in parte già anticipate all'inizio del mese da Pro Viande - sono state presentate oggi a Zurigo dall'Unione professionale svizzera della carne (USPC). Per l'organizzazione dei macellai, il calo è una conseguenza del turismo degli acquisti: la carne comperata nelle regioni limitrofe non figura nelle statistiche, ma secondo l'USPC farebbe aumentare del 2,5% il consumo interno.
Sulla base delle informazioni ricevute dai suoi associati, l'organizzazione ritiene inoltre che l'aumento degli acquisti all'estero non vada a scapito delle piccole macellerie, ma soprattutto dei grandi distributori. Un altro motivo del calo complessivo sarebbe da ricondurre alla situazione economica e alla ridotta propensione a recarsi nei ristoranti.
Il maiale rimane il tipo di carne più consumato, con 23,54 kg all'anno a testa, seguito dal pollame, con 11,31 kg, e dalla carne di manzo, con 11,06 kg.

Prossimi Articoli

Piove (di nuovo) carburante sulla Svizzera

Un Boeing 763 della compagnia Condor ha scaricato 30 tonnellate di cherosene sul canton Glarona - "Operazione frequente nel traffico aereo"

Fuggì con 66 milioni da Zurigo, beccato in Spagna

È terminata la fuga del produttore cinematografico tedesco Felix Vossen, dopo l'arresto nella penisola iberica è stato estradato in Svizzera

Bata, niente piano sociale per il personale

È quanto denunciato da Unia dopo la chiusura di tutte le filiali e il licenziamento di 175 dipendenti

Edizione del 30 aprile 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top