logo

Credit Suisse, perdita netta di 2,9 miliardi

Il bilancio del 2015 della banca ha chiuso in negativo, nel 2014 l'istituto aveva fatto registrare un utile di 1,87 miliardi

Keystone
 
04
febbraio
2016
07:42
ats

ZURIGO - Risultati in netto calo per Credit Suisse: il numero due bancario elvetico ha registrato lo scorso anno una perdita netta di 2,94 miliardi di franchi, contro un utile di 1,87 miliardi nel 2014. La causa principale di questa flessione è legata ad una svalutazione di 3,8 miliardi di franchi, informa CS in un comunicato odierno. A pesare sul risultato vi sono però stati anche costi di ristrutturazione e interventi per regolare contenziosi.

Gran parte della svalutazione è legata all'acquisizione dell'americana Donaldson, Lufkin&Jenrett (DLJ) nel 2000, viene precisato nella nota. I costi di ristrutturazione ammontano a 355 milioni di franchi e l'importo per i contenziosi a 821 milioni di franchi.

Senza tali effetti straordinari Credit Suisse ha registrato per l'esercizio 2015 un utile ante imposte di 4,2 miliardi di franchi. L'anno precedente questo valore si attestava ancora a 6,3 miliardi di franchi. Le divisioni Asia, il Private Banking nell'International Wealth Management (IWM) e il Swiss Universal Bank (SUB) hanno registrato buoni risultati, precisa CS.

Prossimi Articoli

BSI, appianata la controversia legale con l'ex capo del comparto Asia

Hans Peter Brunner abrebbe ritirato la sua denuncia per la questione dei bonus non pagati

«Il Ticino regge ma le sfide non mancano»

Intervista a Luca Pedrotti, direttore UBS Regione Ticino - La strategia di UBS, le prospettive per piazza finanziaria ed economia cantonale

Utile netto di 66,2 milioni per BSI

I dati semestrali 2016 della banca luganese indicano una forte capitalizzazione dell'istituto - EFG International prevede di pagare 140 milioni di franchi in meno

Edizione del 28 agosto 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top