Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015Expo 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
z6VAesQfe6o
Eureka | Terra -  4 feb 2012 03:00

Come iniziò la Piccola Era Glaciale

Fu colpa dei vulcani

Andiamo verso un riscaldamento globale ed è colpa nostra: questo ci dicono i climatologi. Da due secoli pompiamo anidride carbonica nell'atmosfera, rinforzando l'effetto serra. Questa conclusione dipende naturalmente da ciò che sappiamo sul clima del passato, anche remoto. E certo è facile scoprire com'era in epoca moderna, da quando cioè sono disponibili strumenti di misura precisi ed esistono raccolte complete di dati climatologici. Ma... prima? Come si fa con le epoche precedenti? Ebbene, si fa. Ci sono indicatori che permettono di ricostruire il clima del passato. E di recente hanno consentito pure di capire come si è scatenata la Piccola Era Glaciale.
Il clima non è statico. Cambia da sempre. Adesso siamo noi a modificarlo, ma anche la Natura ci mette del suo. E ce ne ha messo anche nel passato. In particolare, c'è stato un raffreddamento globale durato alcune centinaia di anni e conclusosi solo alla fine del XIX secolo, con un picco nella seconda metà del Seicento: quella che è stata battezzata Piccola Era Glaciale. I ghiacciai si estesero. Gli inverni si allungarono e si irrigidirono. Addirittura i fiumi nordeuropei gelavano per molti mesi ogni anno. Come mai? Esclusa in quel caso la responsabilità umana, che cosa provocò quel raffreddamento?
La risposta sta in un articolo pubblicato di recente su "Geophysical Research Letters", firmato da ricercatori islandesi, inglesi e statunitensi. Finora si riteneva che potesse esserci una causa endogena, una causa esogena o anche una combinazione di entrambe: poderose eruzioni vulcaniche o/e variazioni nell'irradiazione solare. "Per la prima volta abbiamo identificato chiaramente l'inizio dell'epoca fredda che rappresenta l'inizio della Piccola Era Glaciale", spiega Gifford Miller, dell'Università del Colorado a Boulder. Ma non solo: "Abbiamo anche identificato un feedback climatico comprensibile che spiega come il periodo freddo abbia potuto mantenersi per un lungo periodo". Ma di che si tratta? Risposta: vulcani. "Le nostre simulazioni mostrano che le eruzioni vulcaniche hanno avuto un effetto raffreddante profondo", osserva Bette Otto-Bliesner, del National Center for Atmospheric Research (NCAR), "e hanno innescato una reazione a catena che ha coinvolto i ghiacci marini e le correnti oceaniche e ha abbassato le temperature per secoli". Bisognava però anzitutto capire quand'è cominciata davvero la Piccola Era Glaciale.
Le stime oscillavano fra il XIII e il XVI secolo. Intuitivamente, basterebbe controllare nelle cronache quando i ghiacciai iniziarono ad avanzare. In realtà però non è sufficiente, perché i prodromi del raffreddamento potrebbero essere anche più antichi. Così Miller e i suoi colleghi hanno datato con il carbonio-14 alcuni campioni molto completi di piante morte raccolti nell'Artico canadese. E hanno scoperto una morìa vegetale provocata da un raffreddamento improvviso in due episodi distinti: fra il 1275 e il 1300 e intorno al 1450. Inoltre hanno analizzato i sedimenti estratti da un lago glaciale nelle regioni interne dell'Islanda. Lì hanno identificato depositi di tefrite, un materiale piroclastico emesso durante le eruzioni vulcaniche locali, che diventano più sottili in corrispondenza del tardo XIII secolo e ancora nel XV. Perché? Semplice: la maggiore erosione provocata dall'espansione dei ghiacciai. E, se i ghiacciai si espandono, significa che fa più freddo. Bingo! Abbiamo due indizi che si confermano reciprocamente. Non fanno una prova, però. Serve altro. Così gli scienziati hanno pure applicato un modello climatico sviluppato dal NCAR e dal Dipartimento dell'Energia, il Community Climate System Model, per testare le conseguenze di un raffreddamento vulcanico sull'estensione e sulla massa dei ghiacci nell'Artico. Conclusione: per spiegare le evidenze sperimentali bisogna ipotizzare alcune poderose eruzioni proprio nelle epoche previste. Ma non necessariamente lì, perché l'emissione di materiale nell'atmosfera, con un effetto raffreddante per il clima, potrebbe benissimo essere avvenuta altrove, magari anche a migliaia di chilometri di distanza. Ma non finisce qui: il modello mostra che l'espansione dei ghiacci artici dalla Groenlandia, con la loro fusione nell'Atlantico, ha rinforzato l'effetto raffreddante modificando il trasporto di calore nella massa liquida.
Dunque così è cominciata la Piccola Era Glaciale: a causa di eruzioni vulcaniche. E ci sono voluti secoli perché il clima tornasse alla normalità. Normalità... si fa per dire, perché nel frattempo, con la Rivoluzione Industriale, un nuovo fattore era apparso: l'uomo. Ma questa è un'altra storia.

4.02.2012 - 03:00
Marco Cagnotti
Esperimento da 13.000 miliardi di elettronvolt al Cern - Il più grande acceleratore del mondo, Lhc, si prepara ad esplorare la "nuova fisica"
ROMA - Dalla materia oscura all'esistenza di nuove dimensioni, la fisica si prepara ad una rivoluzione. Sono state... Leggi
Risalgono a 3,3 milioni di anni fa e a crearli non fu l'uomo ma i progenitori ominidi di uomini e scimmie
NEW YORK - Scoperti i più antichi utensili artificiali, risalgono a 3,3 milioni di anni fa: a crearli non fu l'uomo... Leggi
È quanto vuole accertare il Gruppo svizzero di ricerca clinica sul cancro
BERNA - Una chemioterapia è più efficace se si fa sport ? È quanto vuole accertare il Gruppo svizzero di ricerca... Leggi
Le mutazioni genetiche che si ereditano e che aumentano il rischio di tumore al seno non influiscono sulla risposta alle terapie
LONDRA - Le mutazioni genetiche che si ereditano dalla famiglia e che aumentano il rischio di tumore al seno, come... Leggi
Così verranno spediti dati scientifici, al sicuro da ogni intercettazione: è un progetto Inrim coordinato dall'Italia
ROMA - Dati scientifici viaggeranno da Torino a Ginevra grazie a particelle di luce, al sicuro da qualsiasi tentativo... Leggi
Il taglio del nastro è avvenuto nel perimetro del Politecnico federale di Losanna - LE FOTO
LOSANNA - Il più grande parco solare urbano della Svizzera è stato inaugurato martedì nel perimetro del Politecnico... Leggi
L'incredibile storia dell'americana Leigh Erceg, che in seguito a un trauma ha dimenticato la sua vita precedente e si è ritrovata artista
WASHINGTON - Era una 'ranchera' che si occupava di mandrie in Colorado e l'unico suo amore erano auto da corsa... Leggi
Nella fascia tra i 25 e i 29 anni una persona su due è colpita da miopia - Più si è istruiti, meno ci si vede
ROMA - L'era digitale, con l'avvento di pc, smartphone e tablet utilizzati per studio e lavoro oltre che per divertimento,... Leggi
Carenza di antibiotici, un economista inglese ha stimato gli investimenti necessari - "Somma modesta rispetto al costo del problema"
ROMA - Per evitare 300 milioni di morti in 35 anni per la carenza di nuovi antibiotici serve un investimento, pubblico... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 23 maggio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano-Besso | Jazz Rock Pop
Third Reel feat. Thomas Morgan
Jazz con Nicolas Masson, fiati; Roberto Pianca, chitarra; Thomas Morgan, contrabbasso; Emanuele Maniscalco, batteria.
Jazz In Bess | 18.00
Bellinzona | Jazz Rock Pop
Kiliradio
Rock-pop.
Birreria Haas | 21.00
Luogo