Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
vZMel0qJVTU
La fattoria degli animali | Altri animali -  10 dic 2010 11:39

La vespa che va ad energia solare

Ha dato nell'occhio perchè è particolarmente attiva

La Svizzera sta seguendo con passione l'avventura di "Solar Impulse", l'aereo ad energia solare (vd suggeriti), ma in natura esiste una vespa - la Vespa orientalis - che da sempre vola portandosi appresso un vero e proprio pannello fotovoltaico, che produce energia elettrica che l'aiuta in volo.

La scoperta, pubblicata sul numero di dicembre della rivista «Naturwissenschaften» (vd pdf), è di un team di ricercatori israeliani. Partiti dalla constatazione che la Vespa orientalis è molto più attiva nelle ore centrali della giornata, invece che all'alba (come molti suoi simili), i ricercatori l'hanno tenuta d'occhio. Hanno così scoperto che il segreto di questa vespa sta nella singola striscia gialla che ricopre l'addome (la si vede bene nella Foto) che è a tutti gli effetti un pannello solare, o meglio nel suo componente principale, la xantoferina: «Questo pigmento cattura l'energia solare, e la trasforma in elettricità, che viene usata per le attività di ricerca del cibo - spiegano gli autori - ed è proprio intorno all'addome che si concentra la maggior parte dell'attività metabolica dell'insetto».

Analizzando l'addome della vespa al microscopio è emersa una struttura molto complessa, formata da protrusioni esagonali di 50 nanometri (con al centro una piccola depressione) estremamente efficaci nel catturare la luce. Anche le altre parti del corpo sono strutturate in modo tale da deviare i raggi solari proprio dove serve. Per confermare la teoria i ricercatori hanno realizzato sinteticamente una piccola cella solare con lo stesso principio, riuscendo ad ottenere una conversione della luce in elettricità con una resa per ora molto bassa, ma che in futuro potrebbe essere alzata e sfruttata per dei pannelli utilizzabili dall'uomo.

10.12.2010 - 11:39
m.c./ansa | Aggiornamento: 12 dic 2010 16:57
In questi giorni rane, rospi e tritoni si muovono verso i siti di riproduzione - DÌ LA TUA
Tiziano Maddalena, il corrispondente regionale per il Centro di coordinamento per la protezione di anfibi e rettili... Leggi
Reportage dal nuovo Centro di competenza per la sicurezza e l'intervento di Interlaken
INTERLAKEN - Presso il nuovo Centro di competenza per la sicurezza e l'intervento dell'Amministrazione doganale... Leggi
Scoperta una specie inedita dell'insetto - Una colonia numerosa si trova sul Monte San Giorgio
BASILEA - La fauna mondiale conta ufficialmente una specie nuova, una cicala che è di casa anche in Ticino e in... Leggi
L'UFAM: oltre la metà della trentina di specie di chirotteri censiti sul territorio elvetico sarebbe in pericolo
BERNA - Vita dura per i pipistrelli in Svizzera: oltre la metà della trentina di specie di chirotteri censiti... Leggi
Sempre più squali nelle acque per l'uso di esche per soddisfare i turisti - A rischio i sub che raccolgono ostriche
Osservare da vicino un Grande squalo bianco è un'emozione per pochi. Non è una questione di coraggio. Lo fai... Leggi
In occasione del Capodanno cinese, una panoramica sulla storia dell'animale in terra confederata - LE FOTO
Domani, 19 febbraio, si festeggia il Capodanno cinese con un bel rompicapo: sarà l'anno della pecora o della capra?... Leggi
COLLEGAMENTI
DOCUMENTI
Logo OVT
Logo SPAB
Edizione del 04 marzo 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Mendrisio | Conferenze
Casa per anziani: spazio di cura attiva
Relatori: Carlo Denti, Elena Bonardi.
Ristorante Anatolia | 15.00
Biasca | Conferenze
Noi e Milano: cosi vicini, cosi lontani...
Relatore: Massimo Baggi.
Casa Pellanda | 20.00
Luogo