Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
XEQXIDbz6Oo
La fattoria degli animali | Amici pelosetti -  20 apr 2012 16:39

La Cassa malati per Micio e Fido

Sempre più numerosi, in Svizzera, gli animali d'affezione con un'assicurazione

Un tempo erano i Micio e i Fido con pedigree a meritarsi anche l'assicurazione malattia. Adesso, vuoi per una maggiore sensibilità nei confronti dei nostri amici a quattro zampe, vuoi per i costi delle cure che, anche per loro, risultano in crescita, tra i detentori di "cassa malati" si riscontrano, sempre più numerosi, cani e gatti "normali".

Il dato è stato diffuso da bonus.ch, unico portale indipendente in Svizzera a offrire un comparatore di assicurazioni per cani e gatti (vd link), che ha preso in esame i dati degli utenti che hanno richiesto un'offerta online nel 2011 in rapporto al 2010. La democratizzazione dell'assicurazione per Micio e Fido è in atto. Inoltre gli umani scelgono per i loro "pelosi" la copertura più estesa possibile, anche a costo di dover pagare di più. La stragrande maggioranza dei richiedenti esige prestazioni senza limiti di importo, preferendo aumentare la franchigia per far abbassare il premio. L'analisi dei dati di bonus.ch mette poi in rilievo un altro dato interessante: sono sempre più numerosi i felini domestici dotati di microchip, sebbene questo mezzo d'identificazione sia ancora facoltativo in Svizzera.

C'è però un fatto che induce a pensare che la pratica di dotare un Micio o un Fido di una "Cassa malati" non sia ancora sufficientemente nota ed è che la maggior parte degli umani assicura i propri pelosi dopo il primo anno di vita (tra il primo e il quarto). Una scelta penalizzante visto che una copertura assicurativa dalla nascita garantisce una protezione ottimale a un costo inferiore. 

20.04.2012 - 16:39
m.c.
L'Università del Missouri cerca fondi per analizzare il patrimonio genetico di 99 gatti
Dopo aver rivelato le sequenze del DNA dell'uomo, del topo e del ratto, il mondo della ricerca genetica si era... Leggi
Intervista al Medico veterinario Olivier Glardon, promotore della Moxibustione
Medico veterinario e responsabile dei corsi di medicina alternativa all'università di Berna e Zurigo, Olivier... Leggi
In montagna basta poco per creare stress agli animali - Ecco alcuni consigli
Le persone che si muovono, da sole o in gruppo, in montagna, possono rappresentare un'ulteriore fonte di stress,... Leggi
In via di conclusione la creazione di un sistema di allarme tempestivo in caso di cattura accidentale nelle reti dei pescatori
Grazie a un progetto LIFE, un gruppo di ricercatori italiani ha sviluppato dei sensori che, applicati alle reti... Leggi
Scoperto in Siberia "Janusiscus", pesce preistorico "bifronte" vissuto 415 milioni di anni fa
ROMA - È un pesce preistorico "bifronte" l'antenato comune di uomini e squali, ossia di tutti i vertebrati dotati... Leggi
COLLEGAMENTI
DOCUMENTI
Sondaggio Web
Il tuo Micio o il tuo Fido hanno la cassa malati?
Si
29%
No
71%
Non so
0%
Sondaggio chiuso!
Logo OVT
Edizione del 27 gennaio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | L'altro schermo
The sea of grass (Mare d'erba)
Di Elia Kazan (USA, 1945). "Elia Kazan (e i suoi attori)".
Cinema Iride | 20.30
Ascona | L'altro schermo
Casse-tête chinois
Di Cedric Klapisch (2013). "Alliance Française".
Cinema Otello | 18.15
Luogo