Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015Expo 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
n7VqIWkFe60&feature=related
La fattoria degli animali | Mari e spiagge -  17 mag 2010 07:19

Mobilitati per la balena grigia

Gli intervalli per le catture non devono essere mutati

Grido d'allarme degli ambientalisti californiani (vd link e pdf) in vista della riunione che la Commissione internazionale baleniera (International Whaling Commission, IWC) terrà a giugno ad Agadir (vd suggeriti). Gli occhi del mondo puntati sulle vicende delle balene dell'Antartico, gli ambientalisti temono che le balene grige, che vivono nel Pacifico, possano rimanere vittime inconsapevoli della decisione della Commissione che vorrebbe fissare le nuove quote di cattura per le popolazioni indigene in un intervallo di tempo di 10 anni e non più di 4-5 anni come fin ora.

Visto che la caccia di un numero simile di balene non ha impedito alla popolazione di riprendersi e visto che si tratta di meno dell’1% degli animali presenti nel Pacifico, gli scienziati dell’istituto americano responsabile, la NOAA (National Oceanographic and Atmospheric Administration, vd link), non vedono pericoli. Gli ambientalisti però, sono preoccupati: l'introduzione di un lasso di tempo di 10 anni, secondo loro, è da irresponsabili, soprattutto se si tiene conto: della morte di migliaia di individui nel periodo 1999-2001 per motivi non ancora del tutto chiari (vd box), dei mutamenti climatici in atto che stanno influenzando negativamente la zona artica dove i cetacei si nutrono e delle recenti osservazioni del 2009 che hanno registrato un drastico calo del numero di avvistamenti al giorno (da circa 25 a 5) e un ridotto numero di cuccioli osservati.

17.05.2010 - 07:19
m.c./AP
Gli ultimi 300 anni della balena grigia

 

Estinta nell'oceano Atlantico tra il XVII e l'inizio del XVIII secolo a causa della caccia, la balena grigia sopravvive ancora oggi nel Pacifico, ma solo perché nel 1946 venne dichiarata specie protetta, visto che era stata quasi sterminata anche qui dai balenieri. Nonostante fosse concesso l’abbattimento di circa 140 animali all’anno da parte delle popolazioni indigene dell’Artico, le balene grigie della costa orientale del Pacifico, che migrano dal Mare di Bering fino a raggiungere Baja Californi (un viaggio di circa 8'000 km), si sono riprese bene, fino a raggiungere i 21'000 individui nel 1994, portando alla loro “declassificazione” da specie "minacciata" a specie a “basso rischio, dipendente dalla conservazione” nel 1996. Durante la stagione 1997-98 si sono stimati più di 26'000 esemplari, un livello ritenuto pari o perfino superiore a quello di prima del periodo della caccia commerciale. Dal 1999 al 2001 è stato però osservato un grave deterioramento dello stato di salute di molte di queste balene e si suppone che diverse siano perfino morte di fame: non si sa se questo fosse dovuto al fatto che la popolazione ha raggiunto il limite massimo di sopportazione dell’ambiente o se ci siano state altre cause, come la riduzione della produzione primaria nelle acque artiche, il “motore” che mette in moto tutta la rete alimentare, dovuta ai mutamenti climatici in atto. Sta di fatto che qualcosa sta accadendo e lo dimostrerebbe anche l'avvistamento di una balena grigia alle porte della città di Vancouver (vd link), in acque dove non la si vedeva da più di 100 anni.

Beatrice Jann

In Nuova Zelanda è stato trovato uno degli animali più curiosi del pianeta - Il regalesco nuova verticalmente e vive fino a tremila metri di pronfità
SYDNEY - Uno dei pesci più insoliti degli oceani, un serpente di mare che nuota verticalmente e vive in profondità... Leggi
Il loro numero continua a diminuire anche in Svizzera a causa della scomparsa del loro habitat
BERNA - Il numero di api selvatiche continua a diminuire, anche in Svizzera, a causa soprattutto della scomparsa... Leggi
Il Parco delle Gole della Breggia è popolato da almeno otto specie diverse
Gallerie oscure e pipistrelli: quante volte i film dell'orrore hanno usato questa immagine? Non c'è però nulla... Leggi
Con la primavera tornano i fiori e con loro anche gli insetti: in Svizzera vivono 600 specie di api selvatiche
Con la primavera tornano i fiori e con loro anche gli insetti. Che le api domestiche siano in difficoltà si sa.... Leggi
Uno studio rivela la pratica del cannibalismo fra i tirannosauri, principali predatori di se stessi
ROMA - I Tirannosauri erano cannibali: combattevano e chi vinceva divorava la vittima. Lo testimoniano i segni... Leggi
Previste tappe anche a Lugano e Bellinzona per i due lustri della Fondazione Barry - "Sono cani utilissimi che hanno una gran voglia di lavorare"
Si celebrano quest'anno i 10 anni dalla ripresa, da parte della Fondazione Barry, dell'allevamento originale del... Leggi
Si chiama Majengo ed ha visto la luce il primo di aprile - Non c'erano lieti eventi di questo tipo dal 2007
BASILEA - Lo zoo di Basilea ha vissuto un lieto evento: una giraffa di Kordofan è nata il primo di aprile. Il... Leggi
COLLEGAMENTI
DOCUMENTI
Sondaggio Web
Tu pensi che gli ambientalisti californiani abbiano ragione?
Si
75%
No
6%
Non so
19%
Sondaggio chiuso!
Edizione del 21 aprile 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Riazzino | Conferenze
Filosofia della musica
Relatore: Davide Grossi. Organizza l'ass. Orizzonti Filosofici Riazzino.
Sede Orizzonti filosofici | 20.00
Chiasso | Teatro
Fa mia ul bergum
Documentario di Bruno Bergomi.
Centro ATTE (via Guisan 17) | 14.30
Luogo