logo

Niente porno su Internet in Egitto

Il procuratore generale Meguid Mahmoud ordina la chiusura di tutti i siti web

 
07
novembre
2012
17:35
Red. Online - ats

IL CAIRO - In applicazione di una sentenza del Tribunale amministrativo del 2009 il procuratore generale egiziano Abdel Meguid Mahmoud ha ordinato oggi la chiusura dei siti web pornografici del Paese. È quanto ha riferito una fonte giudiziaria, secondo la quale il procuratore ha inviato una notifica ufficiale della decisione al ministero dell'Interno perché vari le misure necessarie. Sempre in giornata decine di salafiti e di donne in niqab (il velo islamico integrale) hanno manifestato davanti alla sede della Procura, chiedendo che i siti pornografici vengano oscurati. "Morsi, perché resti in silenzio, l'Egitto è uno stato islamico non pornografico", hanno scandito i manifestanti rivolgendosi al presidente egiziano. Che è esponente di punta del partito dei Fratelli musulmani.

Prossimi Articoli

Calais, sette giorni ai migranti per lasciare la Giungla

È iniziato lo smantellamento della zona Sud del campo, si vogliono trasferire i rifugiati in zone controllate con veri alloggi

"L'Isis può produrre armi chimiche"

L'allarme viene lanciato dal numero uno della CIA, John Brennan - Sarebbero già state utilizzate in Iraq e Siria

Processo a SS, testimoni raccontano l'orrore

È rimasto in silenzio, Reinhold Hanning, ex guardia di Auschwitz, accusato di complicità nello sterminio di 170.000 ebrei ungheresi

Edizione del 12 febbraio 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top