logo

Niente porno su Internet in Egitto

Il procuratore generale Meguid Mahmoud ordina la chiusura di tutti i siti web

 
07
novembre
2012
17:35
Red. Online - ats

IL CAIRO - In applicazione di una sentenza del Tribunale amministrativo del 2009 il procuratore generale egiziano Abdel Meguid Mahmoud ha ordinato oggi la chiusura dei siti web pornografici del Paese. È quanto ha riferito una fonte giudiziaria, secondo la quale il procuratore ha inviato una notifica ufficiale della decisione al ministero dell'Interno perché vari le misure necessarie. Sempre in giornata decine di salafiti e di donne in niqab (il velo islamico integrale) hanno manifestato davanti alla sede della Procura, chiedendo che i siti pornografici vengano oscurati. "Morsi, perché resti in silenzio, l'Egitto è uno stato islamico non pornografico", hanno scandito i manifestanti rivolgendosi al presidente egiziano. Che è esponente di punta del partito dei Fratelli musulmani.

Prossimi Articoli

Un rifugiato ha ucciso una donna con un machete

L'incidente, sembra a causa di una banale lite, è avvenuto a Reutlingen, nel Baden-Württemberg - L'uomo è stato arrestato

“Nessuna motivazione politica dietro la strage”

Lo sparatore di Monaco era affascinato dalle uccisioni di massa - Progettava l'attacco da un anno - Fra le nove vittime, due erano tedesche

Pressione del Governo sulla polizia di Nizza

Dopo l'attentato il capo del centro di supervisione urbana è stata tenuta al telefono per un'ora da un funzionario del ministro dell'Interno per confermare la presenza della Police Nationale, "che però io non vedevo"

Edizione del 24 luglio 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top