logo

India, ferisce una compagna e si uccide

Aggressione con pistola e ascia all'Università di New Delhi

 
(la sede della scuola di lingue dell'Università di New Delhi. (foto Subhashish Panigrahi / Wikipedia)
 
01
agosto
2013
09:09
ats

NEW DELHI - Uno studente dell'Università centrale di New Delhi (Jnu) ha aggredito, ferendola gravemente con un ascia alla testa e al corpo, una ragazza di cui si diceva amico e poi si è suicidato ingerendo un potente insetticida e tagliandosi la gola, fra l'orrore di alcuni studenti presenti.
La tragedia di cui sono stati protagonisti Aakash Kumar, 23 anni, e Roshni Gupta di 22, entrambi studenti di lingua coreana, è riferita oggi con evidenza dalla stampa indiana.
Secondo The Times of India, i due si frequentavano da qualche tempo, ma la loro relazione si era deteriorata, come è emerso da una lettera lasciata dallo studente convinto di essere ormai "oggetto di derisione" da parte della ragazza.
Così ieri il giovane è entrato in classe con uno zaino all'interno del quale aveva collocato una pistola, un coltello, un'ascia e un potente veleno.
Terminata la prima ora di lezione, e dopo aver allontanato dall'aula il professore con uno stratagemma, Aakash ha estratto la pistola puntandola contro Roshni. Ma l'arma non ha funzionato. Allora ha estratto l'ascia con cui ha colpito violentemente la ragazza alla testa alle spalle ed al petto, lasciandola in una pozza di sangue.
Quindi, senza che nessuno dei pochi presenti intervenisse, il giovane ha ingerito un potente insetticida e si è tagliato la gola.
Incredibilmente la giovane è stata respinta da un primo ospedale di New Delhi (Aiims) ed accettata invece nel Safdarjung Hospital, dove è ricoverata in gravi condizioni.

Prossimi Articoli

L'Iran accusa l'Arabia Saudita: “Sponsor del terrorismo”

Le pesannti dichiarazioni del portavoce del ministero degli Esteri iraniano - Continuano le tensioni fra i due Paesi

In 33 stuprano a turno una ragazza di 16 anni

Il branco di Rio de Janeiro ha poi diffuso il video sul web, la polizia locale sta dando la caccia agli autori delle violenze

Nuova tragedia nel Canale di Sicilia

Sono ancora in corso le operazioni di soccorso - Nei primi quattro interventi sono state salvate 512 persone

Edizione del 28 maggio 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top