Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Nel 1974 avvenne la prima grande esercitazione in caso di catastrofe del cantone
Per il Ticino è stata la madre di tutte le simulazioni di catastrofe. Stiamo parlando della prima esercitazione... Leggi
Secondo uno studio condotto dall'ONU, nel mondo più di 250 mila giovani di età compresa tra i 7 e i 17 anni sono... Leggi
Uno sguardo ai miti che circondano la digitalizzazione nel mondo
MUZZANO - Se ci si attiene all'inflessibile legge dei numeri c'è poco da dire: l'avvento del digitale ha le dimensioni... Leggi
Le condizioni climatiche non fermano i bivacchi delle bande di ladri e rapinatori
CHIASSO - Ogni guardia di confine, in un mese, svolge turni notturni compresi tra le 40 e le 70 ore: servizi che... Leggi
GUARDA IL VIDEO - Tra i soldati di Kabul che fronteggiano i talebani: "Sapremo fare la nostra parte"
DIGA DI SALMÀ (Afghanistan occidentale) -  «Sulla corazza del blindato era impressionante il fragore dei proiettili... Leggi
La riflessione dello psicoterapeuta Aldo Lafranchi al margine del Sinodo vaticano sulla famiglia
Quello delle unioni fra omosessuali è uno dei punti "caldi" trattati al Sinodo dei vescovi vaticano dedicato alla... Leggi
Un centro francese contro le derive settarie nell'Islam traccia l'identikit del jihadista nostrano
Cosa può spingere un ragazzo europeo, religiosamente tiepido, se non addirittura ateo, a lasciare il proprio mondo,... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 25 ottobre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Mendrisio | Jazz Rock Pop
LAscuoLA de LABOttega
Concerto degli insegnanti e presentazione dei corsi.
Hotel Coronado | 17.00
Verscio | Danza
...y que más! perlas peregrinas
Con la compagnia Flamencos en route. Coreografie di Brigitta Luisa Merki.
Teatro Dimitri | 18.00
Luogo