Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Nella struttura camerunense arrivano i feriti delle razzie terroristiche compiute a pochi chilometri di distanza - Le vittime sono subito evacuate nel timore che qualcuno venga a finirle
I due volti più angoscianti del terrorismo oggi si chiamano ISIS e Boko Haram. La loro ombra si allunga dai Paesi... Leggi
Presentato lo studio USTAT che fotografa condizioni sociali, economiche e di salute degli anziani in Ticino
BELLINZONA- La nostra società invecchia. Questa realtà incontrovertibile è in tutta evidenza un tema centrale... Leggi
Crea confusione sull'identità sessuale o aiuta davvero i minori a superare gli stereotipi?
È uno scandalo, gridano alcuni: «giochi ambigui» nelle scuole dell'infanzia, «attività hot» – con travestimenti,... Leggi
REPORTAGE - Nella zona Nord-Ovest di Milano, nel quartiere di Cascina Merlata, nasce un complesso eco-sostenibile: vi alloggeranno le delegazioni estere
MILANO - Pezzo dopo pezzo, incastro dopo incastro, l'Expo 2015, come un enorme puzzle che sta assumendo sempre... Leggi
Il monolite da 21 tonnellate del San Gottardo è già stato posato, lo ha lavorato la ditta Ongaro di Cresciano
BERNA/MILANO - "Il Padiglione svizzero avanza bene, siamo nei tempi previsti", ci spiega da Berna Andrea Arcidiacono,... Leggi
Gaby Malacrida, portavoce di Hotelplan per il Ticino, non sa ancora quali ripercussioni può avere avuto l'attentato al museo del Bardo
TUNISI - Colpire un museo di grande rilevanza pieno di stranieri corrisponde a minare alla base l'industria del... Leggi
Esattamente due anni fa Jorge Mario Bergoglio succedeva a Joseph Ratzinger: oggi è un Papa popolarissimo
In fondo non c'è troppo da stupirsi: è dalle millenarie polemiche (a partire dagli ipotetici errori di traduzione)... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 30 marzo 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | Conferenze
Fiorenza Cedolinis : la sua carriera, le sue interpretazioni, l'opera all'inizio del terzo millennio
L'artista incontra il Coro Lirico di Lugano.
Scuole elementari (via Lambertenghi) | 19.00
Lugano | Conferenze
Le stomie
Relatore: C.Tretter.
Sede Lega ticinese contro il cancro (via L.Ariosto 6) | 12.00
Luogo