Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Campagne di sensibilizzazione coinvolgono sempre più i semplici utenti del World Wide Web
Una manciata di giorni fa il «New York Times» ha lanciato il progetto partecipativo Faces of Breast Cancer (i... Leggi
Un'infermiera di Medici senza frontiere ci racconta la sua esperienza in Africa
Anche la Svizzera ha il suo malato di Ebola. Un virus terribile che, secondo gli ultimi dati dell'OMS ha finora... Leggi
Paolo racconta la sua storia di ex giocatore patologico in un casinò del Cantone
BELLINZONA - Una dozzina di anni fa Paolo (il vero nome è un altro, ma non lo citiamo per tutelarne la privacy),... Leggi
La reporter Attkisson denuncia l'asservimento dei media liberal alla Casa Bianca
Mentre in America i repubblicani vincono le elezioni e si riappropriano del Senato e il presidente Barack Obama... Leggi
Il presidente di BancaStato Fulvio Pelli commenta l'assoluzione di Raoul Weil
LUGANO - In un contributo pubblicato sul CdT mercoledì 12 novembre, Fulvio Pelli ha lodato il coraggio di Raoul... Leggi
Un censimento dei personaggi illustri che hanno scelto il nostro Paese come seconda patria
Poco più di due secoli di indipendenza, un territorio relativamente esiguo (2.812 chilometri quadrati) un'antica... Leggi
Ne fanno capo persone di credi differenti, unite da un bisogno pressante di solidarietà
LUGANO - C'è un luogo che riunisce, fianco a fianco, almeno una volta alla settimana, persone di credi differenti,... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 22 novembre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lamone | Serate danzanti
Orchestra Emy Turner
Ballo liscio e moderno.
Royal Dance | 15.00
Montagnola | Teatro
Fantaticino. Storie e leggende della Svizzera italiana
Con Nicolas Joos. Dai 12 anni.
TASIS | 16.00
Luogo