Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Lavora con noi Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni comunali 2013Sochi 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte Oroscopo
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Il mondo professionale e culturale sta cambiando, ma permane la voglia di incontri dal vivo
LUGANO - C'era una volta la conferenza. Relatore sul podio, platea più o meno numerosa, microfono alla bisogna.... Leggi
Viaggio nelle città, parla Croci: "Allestito un piano per la riduzione dei servizi" - DÌ LA TUA!
MENDRISIO - Nuova tappa, dopo Locarno, Bellinzona e Lugano (vedi suggeriti), per il viaggio nelle città. Questa... Leggi
Il nostro cantone fa da sfondo a tavole e lungometraggi: un'ottima forma di promozione
Il genere umano si è sempre trovato confrontato a luoghi inesistenti, irraggiungibili eppure così vicine a noi:... Leggi
Viaggio nella città, parla Borradori: "Voto al Municipio sopra il 4" - SONDAGGIO: DÌ LA TUA
LUGANO - Dopo Locarno e Bellinzona (vedi Suggeriti) è il turno di tastare il polso alla città che più ha fatto... Leggi
Bellinzona: intervista a Branda e analisi di metà legislatura - DÌ LA TUA NEL SONDAGGIO!
BELLINZONA - L'alberello d'ulivo che il vice sindaco Felice Zanetti donò ai colleghi di municipio al termine della... Leggi
Svolgono un ruolo insostituibile - Ma farsi apprezzare è sempre più complicato anche in Ticino
In un suo pamphlet di qualche anno fa (Les livres ont besoin des nous, di recente tradotto anche in italiano per... Leggi
Più persecuzioni online e via telefonino - L'iniziativa di Croce Rossa per contrastare il fenomeno
Alex piangeva un giorno sì e l’altro anche. Si disperava perché un suo compagno di classe ce l’aveva con... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 19 aprile 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Nivo | Serate danzanti
Orchestra spettacolo Matteo Tarantino
Ballo liscio e moderno.
Capannone | 21.30
Maggia | Musica classica
Trio d'archi Opus 8
Concerto con Iryna Gintova, violino; Anton Vikov, viola; Magdalena Rosa Dür, violoncello. Pagine di Beethoven, Francaix, von Dohnanyi.
Chiesa parrocchiale | 17.00
Luogo