Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015Expo 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Il ticinese Roberto Simona è appena tornato dalle zone più minacciate della Siria e racconta al CdT l'angoscia della gente che vive a pochi chilometri dai terroristi
Dieci giorni di fuoco. Partendo da Beirut, il ticinese Roberto Simona è entrato in Siria arrivando subito ad An... Leggi
Il 10% della popolazione è obeso, bulimia e anoressia aumentano - Ma, non solo in ospedale, la nutrizione è usata come farmaco
Ci sono persone che – per dimagrire e depurare l'organismo – «mangiano» solo succhi di frutta per giorni... Leggi
Storie di migrazione: viaggiando con una famiglia di immigrati sul treno per la Svizzera
MILANO/LUGANO - Viaggio da Milano a Lugano, di rientro dalla bella mostra dedicata a Leonardo da Vinci. Nei pensieri... Leggi
Ex direttore di scuola nel suo Paese, Keshi cercava di evitare l'arruolamento dei suoi allievi - Dopo la prigione e le minacce alla moglie è scappato per mari e deserti e ora vive a Massagno
Meglio essere bassi, in Eritrea. «Quando i soldati arrivavano nella scuola – ci spiega Keshi, oggi 38enne ex... Leggi
Dietro le quinte del recente sequestro di 27 kg di droga nascosti in una Porsche fermata a San Pietro di Stabio
«L'ho sempre sostenuto. L'importante è essere mobili ed adottare strategie in grado di mettere in difficoltà... Leggi
Ferruccio De Bortoli dal "Corriere della Sera" al "Corriere del Ticino" - Da domani inizia una prestigiosa collaborazione con il noto editorialista italiano
MUZZANO - Dal «Corriere della Sera» al «Corriere del Ticino»: Ferruccio De Bortoli, già direttore del quotidiano... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 23 maggio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Bellinzona | Per i ragazzi
La porta magica
Atelier per ragazzi e bambini con Silvia Ermoli nell'ambito della mostra "Le porte della fantasia".
Museo in Erba | 14.30
Lugano | Jazz Rock Pop
Frank D'Amico blues band
Blues.
Lido Riva Caccia | 19.00
Luogo