Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
La storia di Sara che dopo il parto sogna un impiego al 50% - Il Cantone: non è possibile
CASSINA D'AGNO - «Le sembra giusto che in Ticino il lavoro di gerente non sia un mestiere per mamme?». Così... Leggi
In Svizzera solo due ditte producono barrique - Ma in Ticino qualcuno costruisce le doghe
Quello del bottaio è un mestiere ormai molto raro. "In Svizzera, spiega l'agente forestale Davide Biondina, esistono... Leggi
Sempre più minori sfilano sulle passerelle e si mostrano in televisione: quanto è giusto?
Bimbi che sfilano sulle passerelle internazionali, che recitano a memoria la loro parte davanti ad una telecamera,... Leggi
Viaggio nella misteriosa entità territoriale in Moldavia in cerca di riconoscimento internazionale
La crisi tra Kiev e Mosca, in particolare dallo scorso mese di febbraio, da quando la Crimea è tornata ad essere... Leggi
L'orologiaio Giorgio Bieri: "Sin qui siamo sempre riusciti a seguire l'evoluzione del mercato"
LUGANO - L'arrivo dell'Apple Watch – l'orologio intelligente che, oltre a indicare l'ora, include mappe, foto,... Leggi
Cronaca dell'incontro internazionale della comunità pacifista Ahmadiyya tenutosi a Londra
LONDRA - Islam: se ne parla tanto, e soprattutto male. Non che ci sia da stupirsene. Le notizie che ci giungono... Leggi
«Danno» ha ricevuto il sostegno prima dal DSS e poi dall'Ufficio Federale della Sanità Pubblica
LUGANO - L'abbiamo notato girovagando al Mystery Park, tre giorni di festival di musica elettronica tenutosi qualche... Leggi
All'Accademia di Mendrisio sta crescendo una generazione specializzata in "social housing"
C'è un docente universitario che da dodici anni, nel periodo estivo, gira il mondo – ogni volta con un gruppetto... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 30 settembre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Verscio | Teatro
Stimmentänzer
Con Martin O.
Teatro Dimitri | 20.30
Riazzino | Conferenze
Punti di vista sull'uomo. Le origini del Problema
Relatore: Roberto Radice. "Caffè filosofico" promosso dal Centro Orizzonti Filosofici.
Sede Orizzonti filosofici | 20.00
Luogo