Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
I grandi insuccessi delle multinazionali elettroniche e l'impatto ambientale dei cosiddetti e-waste
Lucenti e accattivanti, i prodotti tecnologici catturano la nostra attenzione, suscitando in noi il desiderio di... Leggi
La decisione della Banca nazionale svizzera di abbandonare la soglia minima di cambio tra euro e franco ha peggiorato il giro d'affari dei piccoli commerci di frontiera in territorio svizzero
CHIASSO/PONTE TRESA - Camminando per Chiasso e Ponte Tresa in un qualsiasi giorno feriale ci si rende conto della... Leggi
Si chiama Harvoni e una cura di 12 settimane contro l'epatite C richiede 62.000 franchi: è polemica
Si chiama Harvoni e una cura di 12 settimane contro l'epatite C con questo farmaco costa circa 62.000 franchi.... Leggi
Votazioni dell'8 marzo: l'iniziativa del PPD chiede la deduzione fiscale degli assegni di base e di formazione
Gli assegni familiari devono essere dedotti dall'imponibile o vanno tassati come una qualsiasi altra fonte di reddito?... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 05 marzo 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Bellinzona | Danza
L'amore è una cosa meravigliosa
Coreografia di Mi Jung Manfrini-Capra, con la Touch Dance Company di Bellinzona. Accompagnamento musicale dal vivo con i solisti del CSI.
Teatro Sociale | 20.45
Canobbio | Conferenze
Nuove tecnologie ed aspetti legali: se avessi saputo che...
Relatori: Werner Walser e Angelo Consoli. Introduzione di Enzo Degiorgi. Organizza il Kiwanis Club Lugano.
Aula Magna SUPSI (Trevano) | 18.00
Luogo