Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Primo Piano | Approfondimenti -  26 mag 2012 05:35

La memoria corta degli "svitaliani"

Le provocazioni dello svizzero di origini emiliane Massimo Rocchi sui secondos

"Trovo che la comunità dei 40-50enni italiani che sono diventati imprenditori e stanno molto bene dovrebbe chiedersi se nei loro ristoranti e nelle loro aziende ci sia un ricordo del dolore che i propri genitori avevano vissuto quando sono arrivati in Svizzera. Mi chiedo se un’esperienza dura ha creato dei datori di lavoro migliori». Ad affermarlo è uno svizzero di origini italiane, anzi uno "svitaliano" - come si definisce egli stesso, tra i più famosi del nostro Paese, l'attore comico Massimo Rocchi. Con lui cerchiamo di tratteggiare le caratteristiche della comunità etnica più importante del nostro Paese, assurta agli onori della cronaca grazie ai successi dell’allenatore del Chelsea Roberto Di Matteo, che sabato scorso ha sollevato il più prestigioso trofeo calcistico europeo. Un’impresa che ha il sapore del riscatto per molti italiani che vivono in Svizzera. Certo, sono lontani i tempi nei quali gli emigranti della Penisola arrivavano a Zurigo coi crampi allo stomaco e le valigie di cartone fra le mani. Oggi gli italiani che vivono nel nostro Paese sono talmente bene integrati da potersi permettere, volendo, di discriminare i “nuovi” stranieri che vengono a cercar fortuna tra Chiasso e Basilea. Massimo Rocchi può parlarne a doppio titolo: perché è uno di loro e perché e ha fatto della sua identità ripartita tra Italia e Svizzera il motore stesso della sua verve creativa.

26.05.2012 - 05:35
Carlo Silini
     I particolari sul giornale | Edizione 26.05.2012 a pagina 2 e 3
Oggi si consumano sempre più pasti in solitudine,veloci e già elaborati dall'industria
Chiudete per un attimo gli occhi e provate a immaginare la scena che vi aspetta il giorno di Natale. L'albero,... Leggi
I globalisti restano numerosi, ma sono raggiunti dalle famiglie del ceto medio italiano
LUGANO - «Non sempre cambiare equivale a migliorare, ma per migliorare bisogna cambiare» diceva Winston Churchill.... Leggi
Il PLR è contro la pubblicità hot e sulle nostre strade i cartelloni promuovono siti d'incontri
"È Natale... fatti un regalo!". Lo slogan è di stagione. Ma la merce pubblicizzata non è propriamente per l'incanto... Leggi
Manuele Bertoli presenta la riforma che dovrebbe aiutare ad emergere anche gli allievi "deboli"
«La scuola dell'obbligo ticinese di oggi è una buona scuola, ma può e deve migliorare. Per farlo deve sapere... Leggi
Don Sandro Vitalini commenta la condanna di papa Francesco contro chi fa pagare le messe
«Ci sono due cose che il popolo di Dio non può perdonare: un prete attaccato ai soldi e un prete che maltratta... Leggi
Una realtà presente anche in Ticino - Parla la direttrice wiccan di un museo dedicato al tema
Una di loro potrebbe essere la vostra vicina di casa, la vecchina davanti a voi in fila alla cassa o la signora... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 20 dicembre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | Jazz Rock Pop
Nicola Locarnini
Jazz al pianoforte e voce.
Hotel Villa Principe Leopoldo | 20.00
Agno | Jazz Rock Pop
Morgenstern
Rock. Tributo ai Rammstein.
Bar Temus | 22.30
Luogo