logo

Gabriele Giulini para le critiche

Il presidente del Bellinzona: "Sono abbastanza umile per riconoscere gli errori"

 
Il presidente del Bellinzona Gabriele Giulini (foto Demaldi)
 
10
dicembre
2012
23:59
M.P./G.C.

BELLINZONA - Il presidente del Bellinzona Gabriele Giulini rompe il silenzio. E racconta le ragioni che lo hanno spinto ad allontanare l'allenatore Francesco Gabriele, il direttore sportivo Giuseppe Bifulco e il collaboratore tecnico Andrea Liguori. "In squadra mancava armonia, avvertivo tensioni, mancanza di coesione. Io ostaggio dei giocatori? No, ma i calciatori sono il patrimonio di una società e se ci sono scorrettezze bisogna intervenire".

Per il futuro si fanno tanti nomi, uno su tutti: Martin Andermatt. "Lui è in corsa assieme ad altri tecnici. Mi sono pentito di non averlo riconfermato al termine della stagione scorsa. Io sono abbastanza umile per riconoscere i miei errori e a volte bisogna saper tornare indietro".

Sarà dunque il mister ex Young Boys e Aarau a (ri)prendere le redini della squadra? Possibile, anche se sul tavolo ci sono altre offerte: una dello Zurigo e una dei Montréal Impact, oltre - pare - ad un'autocandidatura per guidare l'YB qualora saltasse Rueda. In seno al Consiglio d'amministrazione piace - e molto - la pista ticinese. In quest'ottica i nomi caldi sono due: Arno Rossini e Davide Morandi.

Edizione del 26 settembre 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top