Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
Elezioni cantonali 2015Expo 2015
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Svizzera | Cronaca -  17 lug 2012 14:55

Film a luci rosse in classe

Lo propone männer.ch per insegnare ai ragazzi a far fronte alla pornografia

BERNA - Filmati porno nelle aule scolastiche? Il dibattito è lanciato nella Svizzera tedesca, dopo che l'organizzazione di difesa dei diritti degli uomini e dei padri männer.ch ha chiesto di autorizzare il materiale a luci rosse nel quadro di speciali unità di insegnamento, sotto la guida di personale esterno. Obiettivo: insegnare ai ragazzi a gestire l'ondata di pornografia con cui prima o poi verranno in contatto.
In una presa di posizione all'indirizzo della Confederazione, di cui ha riferito domenica la «NZZ am Sonntag» l'associazione auspica una riforma dell'attuale normativa sessuale: si tratterebbe di rinunciare a regole di natura morale per puntare sull'educazione e sul rafforzamento dell'autonomia sessuale. Nel campo della pornografia dura männer.ch ritiene quindi per esempio che dovrebbero essere autorizzate scene con escrementi o pratiche sessuali sado-maso.
A far parecchio discutere in questi giorni è però soprattutto la richiesta di poter mostrare porno anche a minori di 16 anni - attualmente comportamento penalmente perseguibile - se ciò avviene con un evidente intento pedagogico e in sedute chiaramente definite. Questo perché oggigiorno - argomenta la «lobby» degli uomini - i giovani sono confrontati molto presto con argomenti di carattere pornografico, che lo si voglia o no: quindi sia i genitori, sia la scuola dovrebbero accompagnarli in modo serio sul campo.

17.07.2012 - 14:55
ats
Il ministro degli esteri italiano potrebbe intervenire sulla questione ticinese riguardante l'obbligo del casellario giudiziale chiesto dal Ticino per i permessi B e G
BERNA - È in pieno svolgimento il pranzo di lavoro alla Casa von Wattenwyl di Berna tra il consigliere federale... Leggi
Il CF: "Respingere la mozione per le aziende del settore turistico e gastronomico in difficoltà a causa del franco"
BERNA - Esentare, anche solo temporaneamente, le aziende del settore turistico e gastronomico dall'Iva in difficoltà... Leggi
È quanto pensa il Consiglio federale, che respinge una mozione del consigliere nazionale Lorenzo Quadri
BERNA - Sostenere il turismo elvetico permettendo di dedurre fiscalmente le spese per le vacanze trascorse nel... Leggi
Per la procura pubblica lucernese sono stati riconosciuti colpevoli di violenza contro l'autorità
LUCERNA - La procura pubblica lucernese ha condannato due fans dello Zurigo e tre del Lucerna che avevano partecipato... Leggi
L'incidente si è verificato nel quartiere Bümpliz - Ricoverato il conducente
BERNA - Un tram della linea 7 è uscito dai binari stamattina poco prima delle 8 presso il cappio di ritorno nel... Leggi
Una donna di 65 anni vittima di un infortunio alla mano mentre armeggiava con un apparecchio idraulico
 FURNA (GR) - Una donna di 65 anni, mercoledì a Furna, nel Canton Grigioni, si è ferita gravemente ad una mano... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 28 maggio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | Jazz Rock Pop
One more blues
Blues con Frank d'Amico e Gianluca Croci.
Gran Caffè Lugano (Quartiere Maghetti) | 21.00
Lugano | Jazz Rock Pop
Masterband
Musica anni '60-'90.
Osteria Bar Maggio | 18.30
Luogo