Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Svizzera | Cronaca -  17 lug 2012 14:55

Film a luci rosse in classe

Lo propone männer.ch per insegnare ai ragazzi a far fronte alla pornografia

BERNA - Filmati porno nelle aule scolastiche? Il dibattito è lanciato nella Svizzera tedesca, dopo che l'organizzazione di difesa dei diritti degli uomini e dei padri männer.ch ha chiesto di autorizzare il materiale a luci rosse nel quadro di speciali unità di insegnamento, sotto la guida di personale esterno. Obiettivo: insegnare ai ragazzi a gestire l'ondata di pornografia con cui prima o poi verranno in contatto.
In una presa di posizione all'indirizzo della Confederazione, di cui ha riferito domenica la «NZZ am Sonntag» l'associazione auspica una riforma dell'attuale normativa sessuale: si tratterebbe di rinunciare a regole di natura morale per puntare sull'educazione e sul rafforzamento dell'autonomia sessuale. Nel campo della pornografia dura männer.ch ritiene quindi per esempio che dovrebbero essere autorizzate scene con escrementi o pratiche sessuali sado-maso.
A far parecchio discutere in questi giorni è però soprattutto la richiesta di poter mostrare porno anche a minori di 16 anni - attualmente comportamento penalmente perseguibile - se ciò avviene con un evidente intento pedagogico e in sedute chiaramente definite. Questo perché oggigiorno - argomenta la «lobby» degli uomini - i giovani sono confrontati molto presto con argomenti di carattere pornografico, che lo si voglia o no: quindi sia i genitori, sia la scuola dovrebbero accompagnarli in modo serio sul campo.

17.07.2012 - 14:55
ats
Carna Grischa ammette in parte le accuse di manipolazione - Alcuni clienti forse anche in Ticino
BERNA - Il commerciante di carne grigionese Carna Grischa avrebbe venduto in passato pollo ungherese per svizzero,... Leggi
Il 30 novembre si decide sul centro dove la Polizia porta gli "agitati" da alcol e droga
ZURIGO - Nella città di Zurigo si decide il 30 novembre se rendere definitivo il centro dove la polizia può rinchiudere,... Leggi
Il Ministero pubblico chiude la chiacchierata vicenda di violazione del segreto professionale
BERNA - Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha archiviato l'inchiesta penale aperta contro Philipp... Leggi
Il presidente del CN Lustenberger vuole più mezzi per le Commissioni della gestione del Parlamento
BERNA - Il presidente uscente del Consiglio nazionale, Ruedi Lustenberger, rivendica più mezzi per le Commissioni... Leggi
Previdenza Vecchiaia 2020 raccoglie il favore di due svizzeri su tre, secondo Pro Senectute
BERNA - Quasi due svizzeri su tre accolgono piuttosto favorevolmente la riforma Previdenza Vecchiaia 2020 di Alain... Leggi
COLLEGAMENTI
Edizione del 22 novembre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Balerna | Jazz Rock Pop
Fragancia de tango
Musica argentina con il Duo DissonAnnce (Roberto Caberlotto e Gilberto Meneghin, fisarmonica).
Sala della Nunziatura | 16.30
Lugano | L'altro schermo
Cose Nostre (Malavita)
Di Luc Besson (Fr, 2013). "Cult Club".
Studio Foce | 17.30/20.30
Luogo