Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Svizzera | Cronaca -  25 apr 2013 12:15

In Svizzera si mangia meno carne

Il consumo pro capite lo scorso anno ha subito una flessione del 3,4%

ZURIGO - In Svizzera si mangia meno carne. Il consumo pro capite ha raggiunto l'anno scorso 51,72 chilogrammi, in calo del 3,4% rispetto al 2011. Il consumo complessivo ha registrato una flessione del 2,3% a 421'018 tonnellate: una cifra che supera comunque del 3,5% la media degli ultimi 10 anni.
Le cifre - in parte già anticipate all'inizio del mese da Pro Viande - sono state presentate oggi a Zurigo dall'Unione professionale svizzera della carne (USPC). Per l'organizzazione dei macellai, il calo è una conseguenza del turismo degli acquisti: la carne comperata nelle regioni limitrofe non figura nelle statistiche, ma secondo l'USPC farebbe aumentare del 2,5% il consumo interno.
Sulla base delle informazioni ricevute dai suoi associati, l'organizzazione ritiene inoltre che l'aumento degli acquisti all'estero non vada a scapito delle piccole macellerie, ma soprattutto dei grandi distributori. Un altro motivo del calo complessivo sarebbe da ricondurre alla situazione economica e alla ridotta propensione a recarsi nei ristoranti.
Il maiale rimane il tipo di carne più consumato, con 23,54 kg all'anno a testa, seguito dal pollame, con 11,31 kg, e dalla carne di manzo, con 11,06 kg.

25.04.2013 - 12:15
ats
Il Consiglio federale ha cominciato oggi a discuterne, ma massimo riserbo circa i contenuti del dossier
BERNA - Prima discussione oggi in seno al Consiglio federale sul progetto volto all'applicazione dell'iniziativa... Leggi
L'Unione prospetta ingenti perdite e chiede alla Confederazione un meccanismo di compensazione
BERNA - L'Unione delle città svizzere (UCS) è contraria alla terza riforma dell'imposizione delle imprese, così... Leggi
Misura conseguente al franco forte per i fornitori di latte per i prodotti d'esportazione
LUCERNA - Emmi intende pagare meno ai contadini che le forniscono latte per i suoi prodotti d'esportazione. Si... Leggi
Il KOF si aspetta un arretramento del Pil dello 0,5% del 2015 e stagnazione nel 2016 - DÌ LA TUA
ZURIGO - A causa dello shock provocato dall'abolizione del cambio minimo nel 2015 la Svizzera cadrà in recessione:... Leggi
Il 14 si voterà su borse di studio, eredità milionarie, canone e diagnosi pre-impianto - Niente Gottardo
BERNA - Saranno ben quattro gli oggetti in votazione il prossimo 14 giugno: si tratta delle iniziative popolari... Leggi
Edizione del 29 gennaio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | Serate danzanti
Progressive Vibes
Dance dj set.
Living Room | 22.00
Ascona | Teatro
La cognizione del dolore
Di Carlo Emilio Gadda, con Mario Sala, Claudio Marconi, Monica Bonomi, Nicola Ciammarughi, Cristina Caridi. Regia di Lorenzo Loris.
Teatro San Materno | 20.30
Luogo