logo

Renzi si prende il merito di AlpTransit

Il premier in conferenza stampa ha rivendicato come opera italiana il traforo ferroviaro del San Gottardo

Keystone
Matteo Renzi.
 
15
aprile
2016
15:00
ats/Red. Online

ROMA - In conferenza stampa a Palazzo Chigi, sede della presidenza del consiglio, il premier italiano Matteo Renzi parlando del nuovo codice degli appalti, ha testualmente affermato (come appare sul sito del Partito Democratico): "Siamo l'unico Paese al mondo che sta facendo tre tunnel, tre opere strepitose per il collegamento con l'Europa: il Gottardo che si inaugura il primo giugno con la Svizzera, il Brennero che abbiamo sbloccato noi e ci collega all'Austria, la Torino-Lione con la Francia. Stiamo investendo 28 miliardi di euro, ovviamente cofinanziati, per collegarci con l'Europa".

Da notare come il Ministro dei trasporti Graziano Delrio, seduto al suo fianco, non abbia accennato qualsivoglia reazione.

Le reazioni all'uscita del premier non si sono invece fatte attendere. "Abbiamo un presidente del Consiglio ignorante e racconta balle", ha affermato il senatore della Lega Nord Jonny Crosio. "Un ciarlatano imbonitore che prova goffamente a vendere opere che non ci appartengono e che, anzi, dovrebbero essere solo da esempio per noi". "Alptransit è un'opera realizzata dagli svizzeri in piena autonomia. Per fortuna loro sanno fare le opere a differenza nostra che siamo in ritardo di due anni per realizzare la parte italiana. Altro che meriti", insiste il parlamentare nato a Zurigo ed eletto nella circoscrizione Lombardia. "Vantarsi di aver realizzato il traforo del Gottardo, come ha fatto oggi Renzi al termine del consiglio dei ministri, è l'ennesima mossa di un presidente che ci fa fare solo figure meschine in campo internazionale. Renzi chieda scusa al governo elvetico e si preoccupi delle sue ferrovie e non di coloro che sono maestri nel realizzarle", conclude Crosio.

Restando in Ticino, il consigliere nazionale Fabio Regazzi, su facebook, ha scritto: "Renzi spaccone o disinformato? Probabilmente entrambi. In ogni caso vogliamo ricordare al Premier italiano che non solo l'Italia non partecipa nemmeno con un franco all'investimento di 28 miliardi per Alptransit, ma che la Svizzera finanzierà con la bellezza di 280 milioni di franchi la realizzazione del corridoio ferroviario a 4 metri (innalzamento del profilo delle gallerie) sul territorio italiano".

Il consigliere di Stato Norman Gobbi ha invece scelto l'arma dell'ironia.

Enzo Rocchi Balbi, giornalista del Caffé, su twitter si è invece premurato di mandare il conto dell'opera a Renzi, con tanto di finta firma del consigliere federale Ueli Maurer. 

  La frase incriminata al minuto 12.20

Edizione del 19 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top