logo

Agitazione alla CPC di Lugano

I 27 dipendenti della banca in liquidazione chiedono un piano sociale

 
05
luglio
2012
15:01
Red. Lugano

LUGANO - Chiedono un piano sociale i ventisette dipendenti della CPC (Banca Credito Privato Commerciale) di via Zurigo a Lugano finita in liquidazione in seguito alla mancata fusione con la Heliting di Agno. Come noto la decisione è stata presa negli scorsi mesi dal proprietario, il Banco di Desio e della Brianza, che in tutto questo tempo non ha ancora provveduto a rispondere alle richieste. Gli impiegati, quasi tutti domiciliati nel Luganese, sono seriamente preoccupati per il loro futuro professionale ed economico, e consci che comunque il loro posto è destinato a sparire. Oggi hanno manifestato davanti alla sede della banca chiedendo al liquidatore di non dover pagare per delle scelte che non competono loro e il rispetto delle norme contrattuali.

L'agitazione, è stata sostenuta dall'Associazione svizzera impiegati di banca (Asib) che ha approfittato dell'occasione per lanciare un monito a tutti gli istituti di credito attivi sulla piazza finanziaria ticinese ricordando loro la necessità di rispettare le responsabilità assunte anche in ambito sociale.

Edizione del 26 giugno 2016
Segui il CdT sui social
Mobile
L'abbonamento su misura per te
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top