Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Corriere Lavoro Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo abbonamento Modifica indirizzo Sospensione consegna Scrivici Registrati Pass.Dimenticata
Ticino | Cronaca -  6 mag 2010 14:14

Verzasca SA, 50 anni di energia

L'azienda nacque nel 1960 per realizzare la diga

VOGORNO – Nella sua onorata carriera ha sin qui prodotto 10 miliardi di kWh, e la sua produzione annua – tra alti e bassi – potrebbe soddisfare il fabbisogno di 30 mila economie domestiche. È la diga della Verzasca, vero e proprio monumento della transizione ticinese alla modernità: un manufatto storico – realizzato in comproprietà dalla città di Lugano e dal Cantone – che proprio oggi festeggia il mezzo secolo di vita. O meglio, come ha spiegato il presidente della Verzasca SA Erasmo Pelli, vice sindaco di Lugano: «i cinquant’anni trascorsi dal 6 maggio 1960, giorno in cui venne costituita la società destinata, cinque anni più tardi, a inaugurare il bacino».

Per celebrare lo storico compleanno, la Verzasca SA ha deciso un gesto sostanziale verso i Comuni toccati dall’impianto: Gordola, Tenero, Minusio, Locarno, oltre naturalmente alle comunità della valle. «In occasione del 50. di fondazione», ha annunciato Pelli, «la Verzasca SA verserà un gettito d’imposta annuo supplementare, per un ammontare totale di 220 mila franchi». Un provvedimento, che sarà accompagnato anche da una gratifica per il personale – sono 13 in totale i dipendenti – e verso i pensionati.

6.05.2010 - 14:14
o.b.
Pompaggio, si vedrà

A proposito invece delle prospettive future, per quanto riguarda il controverso tema del pompaggio/turbinaggio – la tecnologia di ultima generazione che potrebbe essere adottata collegando la diga al Lago Maggiore – il presidente del CdA è stato sibillino. «L’idea andrà considerata insieme al Cantone», ha affermato Pelli, « poiché la città di Lugano da sola non potrebbe affrontare l’investimento – circa 250 milioni di franchi – con le sue sole forze». In ogni caso, «se l’iniziativa dovesse davvero prendere corpo, occorrerà riconsiderare la scadenza della concessione: con l’attuale termine fissato al 2045, infatti, sarebbe impossibile ammortizzare l’investimento per questo avanzamento tecnologico».

     I particolari sul giornale | Edizione 07.05.2010 a pagina 27
Pena di 20 mesi di detenzione sospesi per 4 anni alla 35.enne che provocò un frontale da ubriaca, nel San Gottardo
LUGANO - È stata condannata oggi per omicidio colposo a una pena di 20 mesi di detenzione sospesi per 4 anni la... Leggi
In Gran Consiglio è arrivato Giovanni Berardi (PPD), e un seggio polveroso è tornato in utilizzo
BELLINZONA - Il neoparlamentare Giovanni Berardi, subentrato oggi al dimissionario Franco Denti, non si è presentato... Leggi
Il terzetto è colpevole del reato di furto, danneggiamento e violazione di domicilio
BELLINZONA - Una pattuglia della polizia cantonale ha arrestato, grazie ad una segnalazione di un veicolo sospetto... Leggi
Chiasso: sei centri tantra in città - Arduo tenere il conto delle prostitute
CHIASSO - Complice la crisi dei bordelli, sono tornate in auge le prestazioni sessuali a domicilio. Il fenomeno... Leggi
Una persona in ospedale con ferite leggere - liquidi sulla strada, LE FOTO
TREGGIA - Un incidente della circolazione che ha visto coinvolti un'autovettura modello WV Polo immatricolata in... Leggi
Edizione del 26 gennaio 2015
Programma cinema
Dove
Questa sera
Ascona | Jazz Rock Pop
Pee Wee Ellis Assembly
Funk con Pee Wee Ellis, sax;Tony Rémy, chitarra; Peter Madsen, tastiera; Patrick Scales, basso,Guido May, batteria. "Jazz Cat Club".
Teatro del Gatto | 20.30
Ascona | Per i ragazzi
Il racconto del lunedi
Narrazione per ragazzi dai 4 ai 7 anni.
Biblioteca Popolare | 17.00
Luogo