Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
Ticino | Cronaca -  11 mag 2010 14:46

Recuperato il corpo di Gianni Goltz

L'alpinista era morto sull'Everest nel 2008

KATHMANDU - Durante una spedizione per liberare la regione della vetta dell'Everest da rifiuti e detriti, ma anche per ritrovare le spoglie di almeno cinque alpinisti scomparsi negli ultimi anni, degli sherpa hanno recuperato il corpo dell'alpinista Gianni Goltz. Il valmaggese era deceduto sul tetto del mondo per sfinimento durante una spedizione senza ossigeno nel 2008: accompagnava una squadra della televisione svizzero tedesca SF per girare un documentario.

La spedizione nella cosiddetta "Death zone" - denominata "Our Extreme Expedition 2010" - è partita lo scorso 1. maggio, organizzata dal governo nepalese con il contributo di diversi sponsor privati. Una trentina fra portatori e sherpa ha superato quota Ottomila alla ricerca di alpinisti scomparsi, ma anche per recuperare tonnellate di materiale abbandonato in alta quota nel corso degli anni. Il ritrovamento di Goltz, si legge nel blog della spedizione (vedi link) è avvenuto il 6 maggio e in seguito è stato portato al campo base. Il team ha pure ritrovato il corpo di un alpinista russo.

11.05.2010 - 14:46
Red. Online / ats/afp | Aggiornamento: 11 mag 2010 15:57
Il documentario fu trasmesso un anno fa

Gianni Goltz, guida alpina, 45 anni al momento del decesso, aveva perso la vita a circa 8500 metri di quota. Il ticinese aveva all'attivo sei spedizioni sopra gli ottomila (Gasherbrum II, Manaslu, Cho Oyu, Shisha Pagma, Broad Peak e Dhaulagiri). Goltz era partito verso la vetta con una spedizione in cui SF stava girando il documentario «Sherpas - die wahren Helden am Everest» (Gli sherpa - gli autentici eroi dell'Everest). Il lungometraggio, che come rivela il titolo valorizza il lavoro dei portatori, fu portato a termine malgrado il dramma e diffuso in tre episodi nel maggio dello scorso anno.

     I particolari sul giornale | Edizione 12.05.2010 a pagina 21
Cadenazzo: denunciate tre donne italiane e il gerente del bar, un 61enne del Bellinzonese
CADENAZZO - Questo pomeriggio agenti della Polizia cantonale sono intervenuti a Cadenazzo - dove già ieri pomeriggio erano... Leggi
Il presidente del PS Lurati difende il ministro Bertoli e sul "caso Venuti" non commenta
BELLINZONA - Per il presidente del PS Saverio Lurati in questa estate, periodo in cui si stacca un po' la spina... Leggi
Una donna ha riportato serie ferite sulla strada cantonale verso Arcegno: interviene la REGA
LOSONE - Grave incidente martedì pomeriggio, attorno alle 15.45, sulla strada cantonale tra Losone e Arcegno:... Leggi
Arrestato a Morbio Inferiore un 61.enne italiano già noto alla giustizia: aveva estorto 100 franchi
MORBIO INFERIORE - Martedì poco dopo le 16 a Morbio Inferiore è stato arrestato un 61.enne cittadino italiano... Leggi
Estate bagnatissima, da dimenticare: a sud delle Alpi registrato +50-80% di precipitazioni
BERNA - Un'estate da dimenticare, poco sole tanta pioggia, al Sud della Alpi ancor più che al Nord: in molti luoghi... Leggi
COLLEGAMENTI
DOCUMENTI
Edizione del 28 agosto 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Verscio | Teatro
Mir stinkt das Glück
Tragi-commedia in tedesco di e con Marjolaine Minot.
Teatro Dimitri | 20.30
Lugano | Jazz Rock Pop
Luca Volontè
Concerto per sax.
Hotel Villa Principe Leopoldo | 21.00
Luogo