Cultura e spettacoli La fattoria degli animali Tempo Libero Motori Cinema Eureka Gossip Film Festival Parliamone Fotogallery Piazza del Corriere Primo Piano Salute Info Aziende Commenti Dal giornale Sondaggi Web
votazioni 18 maggio 2014
Farmacie di turno Emergenze Pronto soccorso Ospedali Cliniche
Trasporti Infostrada Agenda Cinema Musei Gallerie arte
Offerte Concorsi Iniziative Album fotografico
Impiego Immobiliari Veicoli Generici Annunci Extra
Tariffe Acquista singola edizione Nuovo Modifica Sospensione Scrivici Pass.Dimenticata
Ticino | Cronaca -  29 giu 2013 09:14

Elicottero precipita a Lodrino
Quattro morti nello schianto

Il pilota avrebbe tentato un atterraggio d'emergenza senza successo

LODRINO - Tragedia a Lodrino. Un elicottero, sabato mattina, è precipitato e si è schiantato al suolo, poco dopo le 8, provocando la morte di quattro persone. Il velivolo, della Heli Tv, è caduto all'interno della cava Ghisletta e il proprietario, Fulvio Ghisletta, è stato avvertito della tragedia telefonicamente, poco dopo l'accaduto, da un amico. Secondo le testimonianze raccolte sul posto dal CdT Online, sono numerose le persone nella zona che hanno udito lo schianto. Pochi, però, hanno visto l'accaduto. Secondo quanto riferito al proprietario della cava dall'amico che ha visto l'elicottero cadere, il velivolo, mentre precipitava, perdeva pezzi. Una versione che, ovviamente, deve ncora essere verificata dalle autorità competenti, ma che viene sostenuta dal racconto di una famiglia - marito, moglie e due figli, che ha sentito il tonfo "in presa diretta", a poche decine di metri di distanza.

Il capofamiglia, sulla trentina, dice di aver prima sentito le pale dell'elicottero fare "uno strano rumore" e di aver poi assistito allo schianto: "Ho visto l'elicottero cadere verticalmente, è stata un'esperienza impressionante, un gran botto e poi più nulla". L'uomo fatica a parlare, lo spavento è stato enorme. Sulla tragedia che ne è seguita si sa poco o nulla, era presto. "Quando è accaduto stavamo dormendo", ci spiega un altro uomo in giardino con i propri famigliari, nel confinante Comune di Iragna.

I SUPERSTITI

Nella cava Ghisletta, le notizie sono contradittorie. Nessuno è a conoscenza di superstiti. Ghisletta: "Non mi risulta che qualcuno si sia salvato, del resto lo vedete: quel che resta dell'elicottero lo avete davanti a voi. Come sarebbe possibile?". Le informazioni "filtrate" in mattina e diffuse anche dalla RSI, parlano di due superstiti: un assistente di volo e un passeggero. Sarebbero riusciti a saltare dall'elicottero, poco prima delllo schianto, mentre volava basso a ridosso della cava nella quale è poi precipitato provocando la tragedia.

IL MOTIVO DELLO SCHIANTO

La dinamica dell'incidente, come detto, deve ancora essere chiarita, ma sembra che l'elicottero volando basso, abbia colpito un albero (qualcuno parla di una roccia o di un sasso) con una pala. Secondo un altro testimone, prima di cadere, il velivolo avrebbe raggiunto la diga del Ritom e sarebbe tornato indietro per poter verificare il danno subito, senza riuscire, appunto, a rientrare alla base o a planare sul campo antistante la cava. La Scientifica è al lavoro. "Tornato verso Lodrino - riferisce un operaio che conosce bene la zona - il pilota avrebbe tentato un atterraggio d'emergenza, purtroopo senza successo. Questo, almeno, è quello che si dice. Di più non posso dirvi".

LA DICHIARAZIONE DI GIOVANNI FRAPOLLI, TITOLARE DELLA HELI TV

Giovanni Frapolli, direttore di Heli Tv, ha dichiarato a Ticinonews che ai comandi del velivolo vi era un pilota sessantenne con molta esperienza alle spalle.
Per la Heli Tv si tratta del secondo incidente mortale in meno di un anno, dopo quello costato la vita a un pilota lo scorso settembre a Lodano (vedi suggeriti).

29.06.2013 - 09:14
Simone Fassora e Andrea Colandrea | Aggiornamento: 29 giu 2013 21:27
Un'auto lo tampona e un centauro finisce contro una donna che voleva lasciar passare
LOCARNO - È di due feriti, entrambi apparentemente non gravi, il bilancio dell'incidente avvenuto mercoledì pomeriggio... Leggi
Nel Luganese un turco di 38 anni e uno svizzero di 30 hanno spacciato 2,5 chili di marijuana
LUGANO - Un 38.enne di nazionalità turca e un 30.enne svizzero sono stati arrestati negli scorsi giorni nel Luganese... Leggi
Sono quelli dallo stipendio più basso: padronato e lavoratori trovano un accordo per una deduzione
ZURIGO - Introduzione di una deduzione del 5% sui salari minimi per i nuovi contratti di lavoro nelle regioni con... Leggi
Ferite non gravi per l'uomo colpito da un'auto che stava facendo inversione uscendo da un parcheggio
MELIDE - Incidente della circolazione stradale, questo pomeriggio, nei pressi della Posta, in via Pocobelli a... Leggi
Spolverata di neve al di sopra dei 1.200 metri: alcuni centimetri sono scesi nella notte - LE FOTO
SAN BERNARDINO - Il vento tempestoso era attesa e con esso un brusco calo delle temperatura con la possibilità... Leggi
La Settimana Santa momò è fra le otto tradizioni svizzere candidate dal Governo
BERNA - Le processioni storiche della Settimana Santa di Mendrisio figurano tra le otto tradizioni elvetiche candidate... Leggi
Edizione del 22 ottobre 2014
Programma cinema
Dove
Questa sera
Lugano | L'altro schermo
Other Movie - Lugano Film Festival
Proiezione del film "E ora dove andiamo? di Nadine Labaki (F/Libano, 2011).
Cinema Iride | 20.00
Bellinzona | Conferenze
Del dire e del tacere. Forme epratiche del silenzio in età moderna
Relatore: Roberto Mancini. Introduzione di Tiziano Moretti. "Sensi del silenzio".
Biblioteca Cantonale | 18.30
Luogo