La guida

Anche per i cuccioli
stare soli è possibile

Anche per i cuccioli <br />stare soli è possibile
Abituare il cane a stare da solo nelle varie stanze della casa è un primo passo da compiere

Anche per i cuccioli
stare soli è possibile

Abituare il cane a stare da solo nelle varie stanze della casa è un primo passo da compiere

Quando si decide di adottare un cane la prima cosa da fare è considerare il tempo che gli si può dedicare: ad ogni età, infatti, Fido ha bisogno di sentire la vicinanza del suo «umano» perché instaura con lui un rapporto speciale. Tuttavia a ogni cane capita di trascorrere dei momenti da solo in casa: è bene quindi abituarlo fin da cucciolo, così da vivere la solitudine in maniera positiva, senza provare la cosiddetta «ansia da abbandono»: un cane felice è l’obiettivo di tutti i padroni, perciò bisogna applicarsi per rendere più semplici le parentesi di lontananza.

Le tecniche vincenti
Il primo passo è concedere al cucciolo i suoi spazi: è normale trascorrere con lui ogni momento, ma dopo i giochi, le coccole e una bella passeggiata è giusto anche allontanarsi qualche minuto per dargli modo di ambientarsi. Un’ottima idea è uscire dalla stanza dopo avergli dato un gioco con cui distrarsi per qualche minuto. Al rientro se non avrà abbaiato il padrone potrà dargli in premio un gustoso biscotto, così da fargli capire che il suo comportamento è stato corretto.
L’ideale è provare a lasciarlo solo nelle diverse stanze della casa per un po’ di tempo per qualche giorno, alternando ai momenti di compagnia quelli in solitudine; una volta che sarà tranquillo si potrà passare al livello successivo e uscire di casa, magari dopo averlo fatto sfogare con una bella passeggiata. L’operazione andrà comunque fatta per gradi: all’inizio basterà indossare la giacca, stare fuori casa pochi minuti e rientrare, aumentando di volta in volta il tempo di distacco e monitorando le reazioni del cane.
Il cucciolo potrebbe sentirsi un po’ spaesato all’inizio, per questo potreste lasciarlo in compagnia del suo gioco preferito o di un sottofondo musicale rilassante, in modo da favorirne la serenità. Ovviamente non sono solo i cagnolini a dover imparare, ma anche gli umani. Una regola da seguire è quella di non salutare con troppa enfasi il cucciolo, perché potrebbe prenderlo come un addio: una carezza veloce basterà a tranquillizzarlo per il breve lasso di tempo in cui mancheremo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Animali
  • 1