Il benessere

Botti di Capodanno
e animali domestici

Botti di Capodanno <br />e animali domestici
I festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno spesso generano un forte stress in particolare per i cani, ma non solo: ecco gli accorgimenti per aiutarli

Botti di Capodanno
e animali domestici

I festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno spesso generano un forte stress in particolare per i cani, ma non solo: ecco gli accorgimenti per aiutarli

Una tradizione talmente radicata da essere irrinunciabile per molti è quella di creare dei piccoli spettacoli pirotecnici personali durante la notte di Capodanno. Ai fuochi d’artificio e i petardi usati in prima persona si aggiungono poi i botti provenienti da altre abitazioni, oppure da vie e piazze vicine. Come risultato, quella che per noi è un’occasione di celebrazione in cui concederci un po’ di caos controllato, per gli animali che popolano le nostre case rappresenta un momento di grande panico. Una situazione drammatica non solo per cani e gatti, ma anche per conigli, criceti e uccelli, tanto da poter scatenare reazioni improvvise e inaspettate per i padroni.

Il tema è particolarmente sensibile per cani e gatti, i compagni di vita più comuni che risultano molto esposti allo stress causato dalle continue esplosioni post brindisi. Si tratta infatti di animali che spesso tendono a stare fuori di casa, ma che soprattutto sono dotati di un udito più sviluppato di quello umano, tanto da essere in grado di percepire gli ultrasuoni. La spiccata sensibilità ai rumori causa spavento e disorientamento, con la reazione più comune che consiste nello scappare anche saltando recinzioni, mettendo così a repentaglio la propria incolumità.

Specialmente per i cani l’abbinata di suoni forti e luci improvvise è alla base di vere crisi di panico, facili da notare tra iperventilazione, tachicardia, tremori muscolari, salivazione continua ed eccessiva, oltre a comportamenti quali abbaiare all’impazzata e urinare per casa.

Le contromisure che si possono prendere per alleviare la sofferenza di un animale domestico allo scoccare della mezzanotte sono varie. Innanzitutto il fattore più importante sarebbe la presenza del padrone, che eventualmente può portarlo con sé. Se ciò non fosse possibile, la scelta più adatta è quella di isolarlo (soprattutto se si tratta di un cane) nella zona più silenziosa della casa, meglio ancora se in stanze senza finestre, o comunque lontano da esse. Attenzione poi agli animali in gabbia, da non dimenticare sul balcone.

In ogni caso, anche se si passa il Capodanno tra le mura domestiche, è buona regola far entrare in casa il proprio cane o gatto, in modo da aiutarlo a superare il momento con alcuni semplici accorgimenti. Si possono per esempio tenere accese la radio o la televisione, in modo da isolare parzialmente dal frastuono proveniente dall’esterno. É inoltre importante che il padrone si mostri assolutamente tranquillo ed eviti di rassicurare il cane, azione che in questi casi avrebbe l’effetto opposto di quello sperato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1