Pulizia

Cani e gatti «sorridono»
se le gengive sono sane

Cani e gatti «sorridono» <br />se le gengive sono sane
L’igiene orale è fondamentale per il benessere dei nostri amici a quattro zampe. La prevenzione inizia da alcune semplici regole di condotta

Cani e gatti «sorridono»
se le gengive sono sane

L’igiene orale è fondamentale per il benessere dei nostri amici a quattro zampe. La prevenzione inizia da alcune semplici regole di condotta

Non solo denti, ma anche gengive. Come per gli esseri umani, l’igiene orale è fondamentale per il benessere dei nostri amici a quattro zampe. Se la cura della dentatura di cani e gatti è diventata una pratica abituale, la salute delle gengive viene spesso trascurata. Questo perché disturbi del genere sono difficili da identificare con tempestività. I più comuni vanno dalle semplici infiammazioni localizzate, come ad esempio le gengiviti, fino al coinvolgimento dell’intera bocca, le cosiddette stomatiti. Se non trattate a dovere, queste patologie potrebbero portare alla perdita dei denti. E nei casi più gravi potrebbero propagarsi all’interno dell’organismo, causando problemi ai vari organi interni.

Se Fido e Fufi non si lamentano, i proprietari devono imparare a tenere sempre le antenne alzate per cogliere i segnali. Alito cattivo, gengive arrossate, mancanza o diminuzione dell’appetito e cambiamenti del comportamento potrebbero essere i primi campanelli d’allarme a cui prestare attenzione.

Le cause di questi disturbi possono essere numerose. Le più comuni sono legate alle infiammazioni provocate dall’accumulo di placca o tartaro sui denti, che rappresentano il luogo ideale per la proliferazione dei batteri. Ma questi problemi possono anche derivare da traumi da corpi estranei, magari avvenuti durante il momento del gioco. In alcuni casi, poi, gengiviti e stomatiti potrebbero segnalare la presenza di malattie più serie come insufficienza renale, diabete, ipoparatiroidismo e tumori. Da non sottovalutare infine il rischio di patologie di tipo autoimmune, batteriche o virali.

La prevenzione, in ogni caso, è fondamentale. Secondo gli esperti, è importante far controllare il proprio animale da compagnia almeno un paio di volte l’anno dal veterinario di fiducia, il solo in grado di fare diagnosi accurate. L’alimentazione gioca poi un ruolo cruciale nella lotta alle infiammazioni delle gengive. Cibi secchi e snack funzionali contribuiscono a mantenere i denti puliti grazie alla loro azione abrasiva. E alcune sostanze contenute in questi alimenti aiutano a rallentare il processo di formazione della placca. Ma la regola numero uno rimane la cura dell’igiene orale: lo spazzolamento approfondito dei denti per qualche minuto al giorno è un ottimo punto di partenza. Attenzione, però, a non causare abrasioni alle gengive. È importante cercare di formare un angolo di 45 gradi tra dente e gengiva, e strofinare dall’attaccatura fino alla punta, con cura e delicatezza, imprimendo dei movimenti circolari. Fido e Fufi ve ne saranno grati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1