La stagione

Difendere gatti e cani
nella stagione fredda

Difendere gatti e cani <br />nella stagione fredda
Un’alimentazione adeguata e un riparo idoneo sono le prime cose a cui pensare per garantire il benessere degli animali domestici

Difendere gatti e cani
nella stagione fredda

Un’alimentazione adeguata e un riparo idoneo sono le prime cose a cui pensare per garantire il benessere degli animali domestici

Da qualche anno le temperature restano miti fino ad autunno inoltrato, ma le escursioni termiche si fanno già sentire e possono produrre notti fredde, soprattutto in determinate aree. Non sono solo gli esseri umani ad accusare il cambio di stagione: anche gli animali domestici possono soffrirne.

Cani e gatti infoltiscono il pelo come prima autodifesa e necessitano di più calorie. Nella maggior parte dei casi un’alimentazione adeguata e il giusto riparo sono fondamentali per passare intere giornate all’aperto, ma non sempre sono sufficienti. Anche perché non tutte le razze sono «temprate» contro i rigori autunnali o invernali.

I cani di grande taglia e dal pelo folto riescono a trattenere il calore meglio e più a lungo grazie alla loro massa, mentre quelli più piccoli e dal pelo corto hanno bisogno di un trattamento «speciale». Più in generale è importante che gli animali che vivono all’aperto abbiano un luogo asciutto e al riparo da correnti d’aria dove dormire e rifugiarsi. Una cuccia può risolvere molti problemi al proprietario di un cane, mentre per garantire maggior sicurezza ai gatti è consigliabile creare una zona sopraelevata, magari in un’area del giardino più isolata. Cucce e ripari potrebbero poi dover essere coibentati con coperte di lana, piumini e fogli di cartone per aumentarne l’accoglienza.

Tra le regole basilari in vista della stagione più fredda c’è ovviamente quella di alimentare adeguatamente i propri animali domestici. Le temperature più basse spingono a consumare più calorie per ogni attività. In particolare ai gatti che vivono all’aperto serve una dieta ricca di nutrienti, grassi e proteine. Alla ciotola di bocconcini deve essere affiancata quella di crocchette e una di acqua fresca. Quest’ultima, specialmente se esposta all’aria, va sostituita più volte al giorno.

Non va dimenticata la cura dell’animale: spazzolandolo con regolarità si stimola la circolazione sanguigna e il rinnovo dello strato meno superficiale del pelo. In questo modo si accrescerà la protezione dal freddo nei mesi invernali. Sembra ovvio, ma cani e gatti devono essere asciugati se si bagnano eccessivamente, anche e soprattutto le orecchie, l’area intorno agli occhi e tra le zampe, dove possono formarsi cristalli di ghiaccio. È bene tenere presente che anche il sale tende a irritare i polpastrelli di cani e gatti. Infine, non è consigliabile far passare all’addiaccio gli animali più anziani e deboli o malati, specie se a pelo raso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1
  • 2
    Il comportamento

    Se abbandonati
    cani e lupi sono uguali

    Migliaia di anni di evoluzione hanno differenziato le due specie, ma l’università bulgara di Eötvös Loránd ha dimostrato che l’affetto verso chi li ha cresciuti è identica

  • 3
    Con il naso all’insù

    Una buona notizia
    per chi ama il freddo

    Anche gli appassionati di ghiaccio e neve possono continuare a stare “con il naso all’insù” ed osservare il fringuello alpino: il passeriforme che nidifica alle temperature più basse in assoluto.

  • 4
  • 5
  • 1