Ricominciare

Fase 2 e animali:
come gestire lo stress

Fase 2 e animali: <br />come gestire lo stress
Quando torneremo alla vita di tutti i giorni, gli amici a quattro zampe potrebbero soffrire della nostra assenza improvvisa. Ecco come comportarsi

Fase 2 e animali:
come gestire lo stress

Quando torneremo alla vita di tutti i giorni, gli amici a quattro zampe potrebbero soffrire della nostra assenza improvvisa. Ecco come comportarsi

Fase 2 e animali: <br />come gestire lo stress
I croccantini sono utili per vincere l’ansia da separazione

Fase 2 e animali:
come gestire lo stress

I croccantini sono utili per vincere l’ansia da separazione

Dopo settimane di quarantena, tornare alla vita di tutti i giorni non sarà semplice, per noi uomini ma anche per i nostri amici a quattro zampe. In questi giorni, infatti, si sono abituati ad averci sempre intorno; vederci uscire di casa per tornare in ufficio per loro potrebbe significare un duro colpo. Dopo tutte le coccole e attenzioni ricevute, anche cani e gatti saranno costretti a rimodulare la loro vita e le loro abitudini. Il problema principale sarà, come ovvio che sia, uno stato di ansia da separazione.

Ma come possiamo riconoscere questo malessere nei nostri animali? Sicuramente in alcuni atteggiamenti tipici di questo disturbo. Capita ad esempio che l’animale inizi a fare i suoi bisogni in giro per casa, oppure abbai eccessivamente o ancora mastichi tutto quello che si trova davanti. Questi sono tutti campanelli d’allarme che non vanno assolutamente sottovalutati. Come per noi essere umani, cambiamenti di vita improvvisi possono creare nell’animale un forte stato di stress emotivo. Sarà importante quindi evitare di sgridarlo e anzi dargli maggiori attenzioni quando ci troviamo insieme a lui dentro casa.

In che modo è possibile invece prevenire l’ansia da separazione? Un buon metodo è quello di prepararlo per tempo, lasciandolo un po’ da solo ogni giorno, per riabituarlo gradualmente alle assenze. Utili sono anche i piccoli premi, ricompense come croccantini ma anche carezze e coccole, da donargli ogni volta che si comporta in modo corretto. Questo lo spingerà a controllarsi e a comprendere più facilmente il meccanismo. L’aspetto più importante, però, è quello di ristabilire una routine che ricordi sempre di più quella che l’animale aveva prima della quarantena. Piccoli appuntamenti quotidiani, come salutarlo prima di andare al lavoro, oppure portarlo a spasso non appena si rientra in casa. Senza per questo rinunciare anche a qualche momento di coccola e di gioco da trascorrere in sua compagnia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1