I consigli

Fido gioca nella neve,
ma protetto e al caldo

Fido gioca nella neve, <br />ma protetto e al caldo
I cani sono attratti e stimolati dal manto nevoso, ma le temperature rigide sono per loro pericolose, se non si adottano alcuni accorgimenti

Fido gioca nella neve,
ma protetto e al caldo

I cani sono attratti e stimolati dal manto nevoso, ma le temperature rigide sono per loro pericolose, se non si adottano alcuni accorgimenti

Una distesa bianca, morbida e fredda ricopre la zona abituale della passeggiata. Quando cade la neve, per Fido è una vera novità e immediatamente la sua curiosità e i suoi sensi sono stimolati da questa nuova amica. Vederlo correre e infilare il tartufo nella neve è un vero divertimento, ma anche giocare con lui e rincorrerlo mentre saltella sul suolo innevato.

Sebbene la neve sia una conoscenza nota per i cani da lavoro e che vivono abitualmente all’esterno, per i cuccioloni che sono soliti stare in casa e non avvezzi alle basse temperature può trasformarsi in qualcosa di spiacevole, se non si adottano alcuni accorgimenti. Per aiutare Fido a sopportare il freddo, bisogna abituarlo. Mentre alcune razze hanno nel codice genetico la resistenza ai climi rigidi – San Berdardo e Husky, ad esempio –, altre hanno bisogno di tempo per adeguarsi. Prima di portare il quattro zampe con sé per una vacanza in montagna, quindi, è meglio procedere per gradi e portarlo a passeggiare sulla neve frequentemente, ma per periodi brevi.

Per quanto, poi, siano dotati di un loro mantello, alcuni cani sono particolarmente suscettibili agli sbalzi termici. Non bisogna trascurare l’importanza di coprirli con un cappottino, meglio se in lana o in un materiale impermeabile. È essenziale, infatti, che il cane non si bagni troppo durante le sue uscite. Le zampe, poi, sono una parte del corpo particolarmente delicata e, se Fido ama stare parecchio tempo a giocare in mezzo alla neve, può essere il caso di mettergli delle scarpette ad hoc. Il ghiaccio, infatti, potrebbe provocare semplici irritazioni cutanee dei polpastrelli, se non abrasioni e tagli. Quando si va sulla neve con il proprio peloso, poi, è indispensabile avere con sé tutto l’occorrente: una ciotola e dell’acqua, del cibo e un kit di primo soccorso. Una volta rientrati in casa bisogna provvedere all’asciugatura del quattro zampe – soprattutto qualora si fosse rotolato sulla neve – strofinando bene il manto e utilizzando una spazzola. Queste operazioni sono utili non solo per rimuovere impurità e districare i peli, ma anche per stimolare la circolazione sanguigna dell’animale, messa a dura prova dalle basse temperature.

Per vivere con gioia e spensieratezza una settimana bianca con il proprio amico è indispensabile anche tenerlo al guinzaglio, qualora non fosse addestrato a rispondere ai comandi del padrone. I cani, infatti, fiutano diverse tracce nella neve e questo può portarli ad allontanarsi troppo e a smarrirsi. Inoltre, qualora dovesse provare ad assaggiare il manto bianco bisogna monitorare le reazioni successive: nel caso compaiano diarrea e vomito è indispensabile rivolgersi immediatamente a un veterinario.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Animali
  • 1