Il comportamento

I giochi e i «sorrisi»
uniscono cani e cavalli

I giochi e i «sorrisi» <br />uniscono cani e cavalli
Esemplari di specie differenti possono comunicare tra loro attraverso le attività ludiche, imitando inoltre le espressioni «facciali» altrui

I giochi e i «sorrisi»
uniscono cani e cavalli

Esemplari di specie differenti possono comunicare tra loro attraverso le attività ludiche, imitando inoltre le espressioni «facciali» altrui

La natura, a volte, favorisce la nascita di amicizie inaspettate. Siamo infatti abituati a veder giocare tra loro animali della stessa specie, mentre è più inusuale che questo avvenga tra esemplari di specie differenti. Un’indagine italiana del 2019 segna però un punto di svolta nello studio dei comportamenti dei quattro zampe; la ricerca, in particolare, si è concentrata sui cani e sui cavalli. Il risultato emerso è sorprendente: questi animali sono in grado di giocare insieme e di imitare, in un certo senso, le espressioni altrui, grazie alla cosiddetta mimica facciale rapida.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO — Cani e cavalli giocano insieme. E si divertono parecchio!

La ricerca che ha scoperto questo interessante fenomeno ha avuto origine circa due anni fa. L’etologa Elisabetta Palagi, dell’università di Pisa, su invito di uno studente ha guardato un filmato di YouTube che mostrava un cane e un cavallo che giocavano insieme, come se fossero della medesima specie. A questo punto Elisabetta ha deciso di coinvolgere altri universitari, chiedendo loro di trovare altri video simili, sempre con protagonisti i cani e i cavalli. C’erano però alcune condizioni da rispettare: una durata di almeno 30 secondi, la mancanza di interferenze da parte di esseri umani e, infine, la possibilità per gli animali di avere libertà di movimento. L’obiettivo del team di ricerca, più che verificare che i quadrupedi giocassero effettivamente insieme, consisteva nell’analizzare la loro mimica «facciale», cercando di scoprire se gli esemplari potessero comunicare «sorridendo».

I video mostravano cani e cavalli che, nel gioco, effettuavano movimenti molto simili, come rincorrersi, fare finta di mordersi o rotolarsi per terra. Accanto a questi, però, è stata notata la presenza proprio di una sorta di «sorriso», conosciuto con il nome di «relaxed open-mouth display»: un comportamento tenuto da ben 12 cani e 10 cavalli. Ciò significa che, nella fase del gioco, gli animali appartenenti a una specie tendono spesso a imitare le espressioni facciali di quelli che fanno parte dell’altra.

Dalla ricerca – pubblicata alcuni mesi fa sulla rivista «Behavioural Processes» – si evince anche un altro fatto, già emerso nel corso di altri studi sugli animali. Sembra che il gioco rappresenti un modo per mettere in comunicazione tra loro esemplari differenti, una sorta di linguaggio universale tra i mammiferi. Le attività ludiche, così come accade tra gli esseri umani, potrebbero essere uno strumento per mettere da parte la tensione, approfittandone per rilassare la mente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1
    La ricerca

    In fondo al mar...
    i pesci cantano

    Uno studio australiano dimostra che gli animali marini emettono suoni ritmici per comunicare mentre nuotano nelle profondità degli abissi

  • 2
    I consigli

    COVID-19 e gatti:
    gli esperti consigliano

    Anche se il rischio di contagio è molto basso, l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria raccomanda il rispetto di specifiche norme igieniche

  • 3
    Il benessere

    Botti di Capodanno
    e animali domestici

    I festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno spesso generano un forte stress in particolare per i cani, ma non solo: ecco gli accorgimenti per aiutarli

  • 4
  • 5
  • 1