Il benessere

Una cura completa
quando Fido sta male

Una cura completa <br />quando Fido sta male
Garze, bende e altre protezioni sterili per le ferite non devono mai mancare nella sua «valigetta di primo intervento»

Una cura completa
quando Fido sta male

Garze, bende e altre protezioni sterili per le ferite non devono mai mancare nella sua «valigetta di primo intervento»

Una cura completa <br />quando Fido sta male
Nella scatolina dei farmaci che un padrone attento tiene con sé non mancano i «fondamentali»

Una cura completa
quando Fido sta male

Nella scatolina dei farmaci che un padrone attento tiene con sé non mancano i «fondamentali»

Prendersi cura di un cane è come prendersi cura di uno dei membri della propria famiglia. Non passano mai inosservati i suoi stati d’animo: sappiamo che è felice quando scodinzola e ci corre incontro, sappiamo che è triste quando ci guarda con quegli occhi capaci di sciogliere anche i cuori più duri, sappiamo che sta male quando la sua immobilità ci sembra innaturale. Proprio per intervenire in situazioni come queste ultime, è un’ottima idea tenere in casa tutto l’occorrente necessario. Ovviamente se il suo malessere è grave è sempre necessario rivolgersi al proprio veterinario per evitare che il fai-da-te vada a peggiorare la situazione.

Ma cosa non dovrebbe mai mancare nel kit canino di pronto soccorso? Innanzitutto è importante avere tutto il materiale per le medicazioni come guanti in lattice, garze, bende e altre protezioni sterili per le ferite, striscia di cerotto di carta e disinfettante senza alcool, acqua ossigenata e soluzione fisiologica.

Se il nostro fidato compagno ha deciso di scatenarsi un po’ troppo nella rincorsa di un legnetto o di una pallina allora è meglio avere sempre a portata di mano del ghiaccio istantaneo per intervenire su eventuali fratture alle zampine.

Meglio aggiungere alla lista anche un paio di pinzette se correndo tra l’erba entra qualche corpo estraneo facilmente rimovibile. Sappiamo, poi, che i cani sono un po’ come noi esseri umani: se ci devono fare un’iniezione, difficilmente restiamo calmi. Pertanto è consigliabile avere sempre a disposizione una museruola per tenere ferme le mandibole del nostro Fido, e avvolgerlo poi con una coperta termica per farlo sentire di nuovo protetto e al sicuro.

Oltre a questi strumenti tecnici, non bisogna mai dimenticarsi di aggiungere al kit anche dei medicinali (dopo averli acquistati su prescrizione e consiglio del veterinario). Tra questi essenziale è il collirio, utile a idratare o curare i loro occhioni arrossati, ma sullo stesso livello di importanza ci sono anche le pomate cortisoniche e antibiotiche, gli antistaminici e gli antibiotici in compresse. Grazie a questo equipaggiamento medico completo e versatile il nostro amico a quattro zampe potrà sentirsi amato e protetto in qualsiasi circostanza.

Attenzione anche ai mici

I bambini molto piccoli e gli animali domestici hanno qualcosa in comune. Quando stanno poco bene è difficile rintracciarne esattamente la causa.

Questo vale anche per i gatti. Per essere preparati a eventuali emergenze o malori improvvisi del micio, l’ideale è avere a disposizione un kit di pronto soccorso ad hoc. Certo, non tutto si può fare in modalità fai-da-te: per trattamenti come le vaccinazioni, la sverminazione o il trattamento antipulci è sempre consigliabile rivolgersi a uno studio veterinario. Nella scatolina dei farmaci che un padrone attento tiene con sé non mancano i «fondamentali», come un buon disinfettante, che deve essere non alcolico e dall’alto potere battericida, e le garze sterili per tamponare nel migliore dei modi la ferita e senza sprechi.

Taglietti e ferite sono all’ordine del giorno, soprattutto per un felino che vive fuori casa. Anche l’acqua ossigenata non deve mai mancare perché nei casi di avvelenamento stimola il rigetto. I cerotti, meglio se di carta, vanno applicati direttamente al pelo. La fascia elastica può servire per fasciare la zampa del micio che si infortuna, mentre la pinzetta può sempre far comodo quando c’è bisogno di rimuovere spine, forasacchi, corpi estranei e zecche.

Termometro, siringhe, antiparissatario formano una triade fondamentale per la salute dei felini: il primo deve essere digitale; le siringhe servono sia per le iniezioni che per somministrare sciroppi o farmaci mischiati a cibo. Infine, per prevenire zecche e pulci l’appuntamento con l’antiparassitario è d’obbligo, secondo le modalità prescritte dal veterinario.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Animali
  • 1