A Giuliano Bonoli, sociologo, professore di Politica sociale all’Università di Losanna, riferendoci alla presentazione del progetto «Obiettivo 95%» del DECS, abbiamo chiesto quanto sia centrale il tema dell’accompagnamento dei giovani oltre le scuole dell’obbligo. «È sempre più centrale. Vero, in Svizzera abbiamo un sistema di formazione professionale molto performante e anche abbastanza inclusivo, visto che grosso modo il 90% dei giovani arriva a un diploma, ma purtroppo resta comunque questo 5-10%, a seconda delle annate e dei cantoni, che non ce la fa. Ed è un problema molto serio, perché in Svizzera, con la qualità dell’attuale mercato del lavoro, se non si ha come minimo una formazione professionale, questo 5-10% si accumula in disoccupazione, in aiuto sociale».

Perché oggi più che in passato?«Vanno...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1