È gioia pura. Ma a volte non è facile fare del bene a chi ne ha bisogno. Ne sa qualcosa Arianna Regis, giovane ed energica donna con un lungo trascorso come campionessa di corse estreme - da sola e col compagno di vita Marco Gazzola, entrambi residenti in Ticino, oggi impegnata in studi infermieristici - che di recente ha vissuto un’esperienza sospesa tra entusiasmo e disillusione in un centro sanitario di una delle zone più remote del mondo, il Dolpo, nel Nepal. Ci siamo fatti raccontare gli slanci, le difficoltà, le speranze di un aiuto necessario, coraggioso, ma complesso.

Partiamo dal luogo. «Per arrivare in Dolpo i voli interni da Katmandu sono due, poi 40 chilometri a piedi dal paese dove l’ultimo aeroplanino domestico atterra. E mille metri finali di dislivello per raggiungere il villaggio»,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1