Image
Primo piano

«Badanti? Ecco perché vogliono lavorare in nero»

La testimonianza di Beatrice - I sindacati: un mestiere durissimo

Qualche anno fa il mondo delle badanti in Ticino si presentava come una selva oscura dominata dal bisogno: della lavoratrice ma anche della famiglia che l’assumeva. Per quello che riguarda la prima, i sindacati che avevamo interpellato – VPOD, UNIA e OCST – avevano tratteggiato situazioni al limite della decenza: obbligo di lavorare 15-17 ore al giorno, magari 7 giorni alla settimana...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Allattamento

    Un legame atteso, non un ricatto

    Al via oggi la Settimana mondiale - La psicologa: «La relazione madre-figlio è messa alla prova dalla società contemporanea»

  • 2
  • 3
  • 4
    Verso le elezioni

    In Svizzera l’identità resta garantita

    Una riflessione sullo stato di salute della politica nazionale in vista delle federali e di fronte alle diverse alleanze - Il politologo Marc Bühlmann: «Sarebbe un problema per la democrazia se non ci fossero tante possibili coalizioni»

  • 5
    Automobili

    Una rivoluzione che avrà un prezzo

    Si apre oggi a Francoforte il Salone dell’automobile fra innovazioni tecnologiche, tensioni e prospettive difficili - Mario Cianflone: «La spinta all’elettrificazione dei veicoli comporterà un epocale cambiamento industriale»

  • 1