Image

Ci fa male l'aria che respiriamo?

Il primario di medicina del Civico di Lugano Marco Pons e l'ingegner Mirco Moser, della Divisione dell'ambiente del Cantone Ticino, parlano di qualità dell'aria e polveri fini

Un bel respiro e ci sentiamo tutti meglio. L'aria entra nei nostri polmoni, arricchisce di ossigeno il nostro sangue e allo stesso tempo, grazie a quel respiro, espelliamo l'anidride carbonica prodotta dalle nostre cellule. Il respiro ci fa compagnia per tutta la vita, notte e giorno, mediamente 12 volte al minuto. Almeno fino all'ultimo respiro. Ma se fosse proprio quell'aria – mischiata agli inquinanti – ad avvicinare la data di quell'ultimo respiro? Di che qualità è l'aria che respiriamo? Quali effetti hanno le polveri fini sulla nostra salute? A questi interrogativi rispondono Marco Pons, primario di medicina all'Ospedale Civico di Lugano e specialista in malattie polmonari, e l'ingegnere Mirco Moser della Divisione dell'ambiente del Cantone Ticino i quali, martedì 20 marzo alle 20.30, incontreranno il pubblico alle scuole medie di Stabio durante una serata promossa dall'USI.

Tutti i dettagli a pagina 2-3 del CdT.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    Italia

    Crisi di governo, la parola a Mattarella

    Il premier Conte interviene in Senato sparando a zero su Salvini, poi sale al Quirinale per le dimissioni - La palla ora è nelle mani del capo dello Stato - In serata la Lega decide di ritirare la mozione di sfiducia

  • 3
    Il fatto

    Quando a violare la legge è il poliziotto

    Fanno discutere i vari casi di poliziotti finiti al centro di inchieste penali e di processi, ripercorriamo quelli più recenti - Le impressioni di Norman Gobbi, Dimitri Bossalini e Paolo Bernasconi al riguardo

  • 4
  • 5
    Il fatto

    Se nel regalino al politico si nasconde un interesse

    «Al Festival di Locarno rendiamo sempre attenti gli ospiti alle regole vigenti», racconta Massimo Solari - Dopo alcuni scandali legati alla corruzione si cerca infatti di non lasciare più nulla al caso, ma Transparency International aggiunge: «C’è ancora da lavorare»

  • 1