Monitorare e controllare la popolazione con i dati forniti dai cellulari? Serve ed è giustificabile per arginare la pandemia? No, è la ferma risposta di Solange Ghernaouti, specialista in sicurezza informatica e docente all’Università di Losanna.

Prof. Ghernaouti, lei è una specialista di cibersicurezza e ciberdifesa. Quali sono i nuovi mezzi tecnologici cui si può ricorrere per combattere la propagazione della pandemia? «Si possono utilizzare la telefonia mobile, tecniche di geolocalizzazione degli individui e dei loro spostamenti, applicazioni che utilizzano Bluetooth per registrare le persone incontrate (contact tracking). Se una di queste dichiara di essere malata, le persone che ha incontrato in precedenza possono essere rintracciate e avvertite affinché si mettano in isolamento, poiché...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    balcani

    I migranti del «mare bianco», bloccati ai confini dell’Europa

    Una catastrofe umanitaria si sta consumando nel nord della Bosnia, dove molti profughi vagano nei boschi con temperature polari - Sarajevo annaspa, mentre la Croazia continua i respingimenti con l’uso della forza - Nello Scavo: «Stavolta forse la politica non starà alla finestra»

  • 2
    movida

    Le discoteche in Ticino? «Dimenticate e senza soldi»

    Da nord a sud del cantone non si sente più parlare dei locali notturni, abbiamo quindi fatto un giro di orizzonti e chiesto ai gestori qual è lo stato di salute dei loro club, ma il comune denominatore è il senso di abbandono, anche economico

  • 3
  • 4
    Storia

    Le inquietudini di Piranesi, immaginatore dell’antichità

    A trecento anni dalla nascita la poliedrica figura di Giambattista Piranesi continua ad affascinare gli studiosi e a sedurre, influenzandoli, molti personaggi del mondo della Cultura
    Incisore, archeologo, architetto e antiquario, rileggiamo il genio artistico del grande veneziano

  • 5
    L’analisi

    Ecco perché la psicologia del complotto è presente in tutti noi

    La convinzione che alcuni eventi siano manipolati in segreto dietro le quinte da potenti forze è un sentimento che si è vieppiù rafforzato negli ultimi anni, ma quali meccanismi della psiche soddisfa una teoria del complotto? In diversa misura, siamo tutti un po' complottisti? Lo psichiatra e psicoterapeuta Raffaele Morelli ci dà una lettura di questo fenomeno sociale

  • 1