Guardate le mani di un pianista mentre suona le Variazioni Goldberg di Bach. Alcuni passaggi sembrano al limite dell’eseguibilità. Dopo un lungo studio preparatorio, le note sembrano entrare nelle mani, anzi nel cervello e osserviamo delle capacità fuori dal comune. Velocità, interpretazione, memoria scaturiscono come se fosse lo stesso Bach ad abitare la mente dell’interprete....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    Montagna

    Non si scherza con i gatti delle nevi

    Chi affronta le discese dopo l’orario di chiusura deve prestare attenzione anche e soprattutto i battipista e i loro verricelli - Ne parliamo con Mauro Pini e Fabiano Medici

  • 3
    Architettura sostenibile

    Tutelare il territorio laddove spuntano le villette selvagge

    Negli anni Settanta anche in Svizzera c’è stato un boom edilizio incontrollato - Ora l’adeguamento dei piani regolatori alla legge per la protezione dei beni culturali spinge molte amministrazioni a cambiare l’approccio all’urbanistica - L’esempio di Castel San Pietro

  • 4
  • 5
    L’intervista

    «La vera America non è quella che vediamo in tv»

    A colloquio con il giornalista e scrittore italiano Francesco Costa che nel saggio «Questa è l’America» analizza il pianeta statunitense, molto presente nelle nostre vite ma del quale conosciamo ancora troppo poco

  • 1