Image
Primo Piano

Così la filologia romanza plasmò l’Europa

Nell’ultimo libro di Lorenzo Tomasin un atto d’amore per una disciplina in cerca di identità

L’Europa arranca, la filologia romanza pure. Forse siamo troppo pessimisti, ma a prima vista così stanno le cose. Non parrebbe un caso, visto che la prima è indissolubilmente legata alla seconda. Non ci aspettavamo, invece, che questa disciplina accademica potrebbe (metaforicamente) indicare la strada maestra per uscire dalla crisi di identità che attanaglia entrambe: l’amore. Non...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Città

    Un caffè nel futuro dell’autogestione?

    Secondo la municipale di Lugano Zanini Barzaghi è ancora possibile trovare una forma di convivenza all’ex Macello - Più duro il vicesindaco Bertini: «No ai ricatti»

  • 2
    Allattamento

    Un legame atteso, non un ricatto

    Al via oggi la Settimana mondiale - La psicologa: «La relazione madre-figlio è messa alla prova dalla società contemporanea»

  • 3
  • 4
  • 5
    Verso le elezioni

    In Svizzera l’identità resta garantita

    Una riflessione sullo stato di salute della politica nazionale in vista delle federali e di fronte alle diverse alleanze - Il politologo Marc Bühlmann: «Sarebbe un problema per la democrazia se non ci fossero tante possibili coalizioni»

  • 1