La Germania sta per ora contenendo più di quanto atteso i danni economici del coronavirus. Inevitabilmente anche la locomotiva tedesca è colpita dal virus, non potrebbe esser diversamente, ma le cifre del primo trimestre e le previsioni per fine anno indicano contrazioni del Prodotto interno lordo (PIL) della Germania meno pesanti rispetto a quelle di molti altri Paesi industrializzati di primo piano.

Secondo i dati Eurostat, nei primi tre mesi di quest’anno il PIL tedesco è diminuito del 2,2% in rapporto al trimestre precedente e del 2,3% in rapporto allo stesso trimestre dell’anno scorso. La media di crescita economica dei 19 Paesi dell’Eurozona è stata di -3,8% rispetto al trimestre precedente e di -3,2% rispetto a dodici mesi prima. Gli altri maggiori Paesi dell’area euro hanno subìto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1