ROMA - Ciò che era evidente da tempo, la crisi del governo giallo-verde M5SLega, è diventato ufficiale ieri pomeriggio quando, alle15.44, il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, ha comunicato al Senato che «l’azione di governo finisce qui». «Al termine di questo dibattito andrò dal presidente della Repubblica per rassegnare le mie dimissioni da presidente del Consiglio» ha precisato poi Conte, che in serata è stato ricevuto alle 20.40 al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, appositamente rientrato dalle vacanze.

Preso atto della crisi, il presidente ha chiesto a Conte di rimanere in carica per il disbrigo degli affari correnti e convocato per le 16 di oggi l’inizio delle consultazioni in vista della formazione di un nuovo esecutivo, se possibile «di legislatura»...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1