Era il 23 settembre del 2010 quando Angelo Renzetti diventò presidente del Football Club Lugano. Dieci anni dopo, abbiamo incontrato il numero uno bianconero nel suo ufficio, fra cimeli del passato, traguardi e progetti futuri. «Sono entrato in una cosa più grande di me» afferma.

Presidente, partiamo da questa tappa storica: si sarebbe mai immaginato di tagliare un simile traguardo?

«In realtà, ho sempre sperato di trovare qualcuno che mi seguisse in questa esperienza. Di fare una società forte con altre persone. Ho sempre vissuto con questa speranza, anche i risultati ottenuti avrebbero dovuto attirare qualcuno. Mi ero reso subito conto che una cosa del genere non va fatta da solo. Non a caso ero entrato per gradi, con il 20% prima e poi con il 40%. Il mio piano era: guardate, abbiamo ripreso...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    votazioni

    Un congedo paternità di 10 giorni, un progresso o un danno?

    Secondo chi lo sostiene è un’opportunità finanziariamente sopportabile, mentre per chi lo avversa è solo un inutile costo in più A confronto sulla riforma oggetto di referendum il consigliere nazionale Alex Farinelli e il copresidente del comitato referendario Michele Moor

  • 3
    L’intervista

    «All’EOC non dormiamo sonni tranquilli»

    Il presidente dell’Ente ospedaliero Paolo Sanvido ci parla degli effetti della pandemia sulla sanità cantonale, del Master in medicina e degli investimenti per il futuro

  • 4
    L’INTERVISTA

    «L’85% degli immigrati non è affatto necessario sul mercato del lavoro»

    L’immigrazione, il mercato del lavoro, il ritorno ai contingenti, le misure di accompagnamento, l’esempio della Brexit e la replica a Peter Spuhler - Parla la consigliera nazionale e vicepresidente dell’UDC Magdalena Martullo-Blocher in vista della votazione sull’iniziativa per la limitazione

  • 5
    Letteratura

    Con Dacia Maraini nella Sicilia del Settecento

    Il nuovo romanzo epistolare della scrittrice italiana esplora attraverso un espediente narrativo le complicate vicende di un triangolo amoroso durante l’epidemia di peste che colpì la città di Messina intorno alla metà del XVIII secolo

  • 1