«Non è niente. Voleva solo spaventarmi». Le ultime parole pronunciate da don Renzo Beretta hanno il suono del perdono incondizionato come quelle di Gesù sulla croce. Le disse alle 15.35 del 20 gennaio 1999, venti anni fa esatti. Era un mercoledì. Le sospirò tra le braccia del giovane vicario richiamato dalle urla di quell’aggressione che avrebbe posto fine all’esistenza terrena di quello straordinario prete di 77 anni. Abdel Hakim Lakhoitri, aveva allora 31 anni ed era scappato dal Marocco. Come tanti altri disperati gravitava nell’area di confine tra Ponte Chiasso e Chiasso e bussava spesso alla porta del parroco per chiedere da mangiare.

Quel giorno voleva anche un po’ di soldi e non ottenendoli estrasse un coltello e aggredì don Renzo che si accasciò urlando di dolore. Don Giovanni, il vicario,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1