«La storia siamo noi», cantava Francesco De Gregori. Siamo noi: io che scrivo e tu che leggi, i nostri padri, le nostre madri e i nostri figli. Gente «normale» insomma, non solo capi di stato, geni o eroi di guerra. Gente che per una ragione o per l’altra si trova a influire sul flusso del tempo e a determinarne in silenzio l’andamento. Nasce anche da questa intuizione il «Giardino...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    Montagna

    Non si scherza con i gatti delle nevi

    Chi affronta le discese dopo l’orario di chiusura deve prestare attenzione anche e soprattutto i battipista e i loro verricelli - Ne parliamo con Mauro Pini e Fabiano Medici

  • 3
    Architettura sostenibile

    Tutelare il territorio laddove spuntano le villette selvagge

    Negli anni Settanta anche in Svizzera c’è stato un boom edilizio incontrollato - Ora l’adeguamento dei piani regolatori alla legge per la protezione dei beni culturali spinge molte amministrazioni a cambiare l’approccio all’urbanistica - L’esempio di Castel San Pietro

  • 4
  • 5
    L’intervista

    «La vera America non è quella che vediamo in tv»

    A colloquio con il giornalista e scrittore italiano Francesco Costa che nel saggio «Questa è l’America» analizza il pianeta statunitense, molto presente nelle nostre vite ma del quale conosciamo ancora troppo poco

  • 1