Tre righe in seconda pagina, nell’edizione di mercoledì 28 maggio 1919, sotto il titolino Abolizione delle misure contro la grippe: il «Corriere del Ticino» annunciò così la fine della lunga emergenza sanitaria che un secolo fa colpì anche il nostro Paese con l’influenza spagnola.

Il giorno successivo, che era la Festa dell’Ascensione, archiviato l’ultimo divieto che li separava dal pieno ritorno alla normalità, i ticinesi poterono tornare in pista. Si balla! titolò, con il punto esclamativo, il nostro giornale nell’edizione di venerdì 30 maggio 1919.

La notizia nella cronaca cittadina di Lugano riferiva quanto segue: «I divieti federali e cantonali emanati or sono dieci mesi (luglio 1918, ndr) in occasione del dilagare dell’epidemia di grippe, sono stati levati. Ieri era quindi la prima festa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1