Ambiente

Fa sempre più caldo e il gallo abbassa la cresta

Fa sempre più caldo e il gallo abbassa la cresta
© Shutterstock

Fa sempre più caldo e il gallo abbassa la cresta

© Shutterstock

Gli animali stanno già mutando le loro caratteristiche morfologiche per adattarsi al riscaldamento climatico. È il segnale d’apprensione lanciato da Sara Ryding, ricercatrice PhD della Deakin University in Australia. Il cambiamento, che sta interessando alcune specie, non è da considerarsi propriamente un buon segno. Secondo quanto la scienziata ha dichiarato al Guardian «la mutazione non significa che gli animali stanno facendo fronte al cambiamento climatico e che va tutto bene. Sta semplicemente a significare che stanno evolvendo per riuscire a sopravvivere – ma non siamo sicuri di quali siano le altre conseguenze di questi cambiamenti per l’ecosistema, o che tutte le specie siano in grado di adattarsi e sopravvivere». Un monito che ci deve far riflettere. Lo studio («Shape-shifting: changing...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    urne

    Il tabagismo nel mirino

    Il 13 febbraio si vota sull’iniziativa «Sì alla protezione dei fanciulli e degli adolescenti dalla pubblicità per il tabacco»: una soluzione per proteggere al meglio i giovani dagli effetti negativi del fumo o un’intromissione esagerata nel libero mercato? Il dossier spiegato in cinque punti

  • 2
  • 3
    L’esperto

    «Hacker, una nuova forma di guerra»

    Il 2022 inizia male sotto il profilo della sicurezza informatica: da una parte pirati nordcoreani rubano 400 milioni di dollari in Bitcoin, dall’altra gli attacchi ai siti web dei servizi governativi ucraini – La tensione tra Kiev e Mosca, accusata di aver pilotato l’operazione, sale alle stelle — Antonio Carzaniga, professore della Facoltà di Scienze informatiche dell’USI: «Potenziali conseguenze gravissime»

  • 4
    L’analisi

    No, la politica «zero-COVID» non è più attuale

    La telenovela Djokovic ha riportato sotto la luce dei riflettori la gestione della pandemia da parte dell’Australia: dal record di lockdown ai confini blindati per mesi e mesi, passando per il tentativo di eliminare del tutto il virus

  • 5
  • 1