Fra intelligenza artificiale e Internet delle cose, nessuna innovazione tecnologica ormai ci stupisce. Ma il prossimo salto di qualità stupirà tutti, perché non riguarderà prodotti migliori o nuovi e neppure una loro capacità di automigliorarsi o di sorprendere. Il prossimo salto riguarderà le macchine che decideranno per noi quali servizi e al limite quali altre macchine comprare per autosostituirsi. Il mondo machine-to-machine sarà il nuovo mondo, probabilmente l’ultimo.

Internet delle cose

I dispositivi legati a casa e lavoro che siano connessi fra di loro e in teoria gestiti da noi non sono più una novità e il cosiddetto Internet of Things, Internet delle cose, è quasi un argomento superato: la stessa sua definizione risale al 1999. Banche e produttori stanno però cercando di andare oltre...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    La rivelazione

    A Chernobyl torna la paura

    In un lungo servizio pubblicato il 5 maggio scorso la rivista “Science” parla di «fissione autosufficiente»: in pratica, all’interno del materiale radioattivo sepolto da 35 anni si registra la crescita di neutroni, segno di un’attività che potrebbe sfociare in un rilascio di energia

  • 2
    Caos in Colombia

    Se il conto della crisi si paga col sangue

    La riforma tributaria è solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso di malcontento che ha origini lontane – L’escalation di violenza tra manifestanti e forze dell’ordine ha trasformato alcune città colombiane in campi di battaglia – «Ci sono stati più morti nel Paese in questi 8 giorni che in 150 per le proteste in Cile dell’anno scorso» ci racconta il ticinese Cosma Gabaglio, research manager di Innovation For Poverty Action che ha vissuto per anni nel Paese sudamericano

  • 3
  • 4
    domande e risposte

    In vacanza con il pass svizzero

    Sarà l’Ufficio federale dell’informatica a realizzare entro fine giugno il sistema per l’emissione di un certificato COVID - Sarà sicuro e compatibile con il «green pass» europeo, ma il nostro Paese rischia di arrivare tardi

  • 5
    Dopo gli Swiss Press Award 21

    La Svizzera negli occhi dei suoi migliori giornalisti

    Gli oltre 500 lavori presentati per le candidature al prestigioso premio dei professionisti dei media sono uno straordinario serbatoio di temi e suggestioni sul nostro Paese - Ecco alcuni esempi

  • 1