Il caso dei 18 cani di piccola taglia che vivevano nel pattume stipato in un appartamento luganese (vedi suggeriti) è solo l'ultimo di una serie di situazioni più o meno eclatanti balzate agli onori della cronaca negli ultimi anni in Ticino. Intanto una serie di strutture sparse sul territorio cantonale si impegna ad accogliere e ad accudire animali con alle spalle storie di violenza e/o abbandono, concedendo loro una seconda possibilità. Una di queste è Casa orizzonti di Lodrino che abbiamo visitato. 

Gatti spaventati e denutriti che si nascondono sotto il divano per mesi prima di tornare alla vita. Roditori liberati da laboratori di vivisezione. Zeus, un randagio a cui hanno sparato in testa. Addirittura serpenti trovati imprigionati in sacchi della spazzatura (nel Mendrisiotto). Samara, la tarantola, e l'iguana Greeny abbandonate, la seconda in un prato nel Locarnese. Tutti questi animali sono passati o vivono a Casa orizzonti (www.casaorizzonti.ch), un rifugio per animali maltrattati e/o abbandonati a Lodrino-Prosito, nonché la dimora dell'anima del progetto, Tanya Tralamazza. La incontriamo proprio in mezzo ai «suoi» animali.

«Quando arrivano, per prima cosa ci chiediamo se non c'è un luogo in cui possono vivere meglio: una casa, un parco, ecc. Se non è possibile li inseriamo nel gruppo cercando di rispettarne le specificità. Con molti di loro - in particolare gli animali maltrattati o reclusi per anni - dobbiamo fare un lavoro lungo, studiando strategie sempre diverse per avvicinarli. Mi domando cosa spinga certa gente ad acquistare esseri viventi per poi maltrattarli. Perché l'uomo deve prendersela con i più deboli?». Molti degli animali di Casa orizzonti sono stati anche abbandonati. «In un'epoca in cui si può acquistare tutto facilmente certe persone si fanno tentare. Non pensano che, ad esempio, un'iguana costa, ha bisogno di spazio, un ambiente caldo e umido, pulizie costanti. Poi si stufano facilmente. Così se ne liberano».

L'approfondimento completo nel Corriere del Ticino di oggi alle pagine 2 e 3. 

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
  • 2
    La rivelazione

    A Chernobyl torna la paura

    In un lungo servizio pubblicato il 5 maggio scorso la rivista “Science” parla di «fissione autosufficiente»: in pratica, all’interno del materiale radioattivo sepolto da 35 anni si registra la crescita di neutroni, segno di un’attività che potrebbe sfociare in un rilascio di energia

  • 3
    Caos in Colombia

    Se il conto della crisi si paga col sangue

    La riforma tributaria è solo la goccia che ha fatto traboccare un vaso di malcontento che ha origini lontane – L’escalation di violenza tra manifestanti e forze dell’ordine ha trasformato alcune città colombiane in campi di battaglia – «Ci sono stati più morti nel Paese in questi 8 giorni che in 150 per le proteste in Cile dell’anno scorso» ci racconta il ticinese Cosma Gabaglio, research manager di Innovation For Poverty Action che ha vissuto per anni nel Paese sudamericano

  • 4
  • 5
    domande e risposte

    In vacanza con il pass svizzero

    Sarà l’Ufficio federale dell’informatica a realizzare entro fine giugno il sistema per l’emissione di un certificato COVID - Sarà sicuro e compatibile con il «green pass» europeo, ma il nostro Paese rischia di arrivare tardi

  • 1