GINEVRA - Tempi durissimi per le grandi fiere nazionali e internazionali, messe sotto pressione dalla crescente importanza assunta da internet. La fiera non è più il luogo ideale per raccogliere contatti: per questo ci sono i siti web, le email, i social network. E così si è celebrato il funerale della Muba di Basilea dopo 103 anni, del Comptoir di Losanna dopo 99 edizioni, mentre non se la passano bene né la fiera orologiera Baselworld, né il Salone internazionale dell’alta orologeria di Ginevra SIHH. Alla vigilia dell’apertura di un altro grande appuntamento espositivo ginevrino, il Salone internazionale dell’auto giunto all’89° edizione (da giovedì 7 al 17 marzo), ci si può allora interrogare sul destino che attende in futuro quest’altro evento di grande richiamo. Ebbene, nonostante la...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1