E se costruissimo una rete ferroviaria ad alta velocità, con tratte prive di pendenze e curve strette? Il futuro, signori. Il futuro. Il governo francese, sulle prime, reagì tiepidamente alla proposta. All’epoca, eravamo negli anni Sessanta, il Paese perseguiva la cosiddetta grandeur. In materia di trasporti, puntava con forza su treni a levitazione. Nei cieli, invece, stava prendendo forma il Concorde. Il futuro, già. Gli altri, però, intanto correvano. Forte, fortissimo. Il Giappone aveva lanciato il primissimo Shinkansen nel 1964. Guai a rimanere indietro.

La Francia, nonostante una certa confusione iniziale, cercò di recuperare terreno. Mise da parte i progetti più avveniristici e, per l’epoca, irrealizzabili. Ripiegando dapprima sulle turbine a gas e in seguito, complice la crisi petrolifera,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    L’anniversario

    «Quel 24 ottobre mi fa ancora male, ci penso sempre»

    Sono passati vent’anni dall’incidente che provocò la morte di undici persone nella galleria stradale del San Gottardo - Tra le vittime anche il 37.enne Rosario Caggiano: Rosa, la moglie che allora aveva in grembo il terzo figlio, ricorda la tragedia e la difficile risalita

  • 2
    sguardo sul futuro

    «Non è possibile essere scienziati e atei»

    Presente in questi giorni alla TASIS (The American School In Switzerland) di Montagnola, il fisico, astronomo e premio Templeton 2019 Marcelo Gleiser ha affrontato insieme agli studenti dell’ultimo anno una serie di tematiche importanti: esplorazione e colonizzazione dello spazio, scienza ed etica, vantaggi e pericoli della tecnologia - Lo abbiamo intervistato

  • 3
    pedopornografia

    Quando le foto dei nostri figli finiscono all’asta nel dark web

    Il numero di immagini di minori rubate dai pedofili sui social è «enorme» e «imprecisato», spiega il capo della Divisione cybercriminalità della polizia cantonale di Zurigo e capo della NEDIK – Frequente lo scambio di materiale illecito in termini di domanda e offerta – L’esperto di informatica forense Alessandro Trivilini: «Non esiste un tariffario, in questa terra di nessuno vige il libero mercato»

  • 4
    Gran Bretagna

    Londra ha riscoperto il virus

    Downing Street non accetta di prendere in considerazione piani alternativi, ma la pandemia intanto è tornata ad accelerare - C’è chi chiede il ripristino di misure restrittive - Mentre si è affacciata un’ulteriore nuova variante, il Governo intende spingere il vaccino tra i più giovani

  • 5
    società

    «Benzina, calo irreversibile»

    Negli ultimi due anni, le stazioni hanno registrato un crollo della vendita di carburante - Matteo Centonze: «La flessione nel 2021 risulta addirittura superiore» - La spinta digitale ha cambiato le nostre abitudini - In pochi mesi il prezzo al consumo è cresciuto di 40 centesimi

  • 1