Image
Reportage

In Libia è in atto la caccia al migrante

Nell’inferno di Tripoli la libertà è solo un miraggio - Il caos che attraversa il Paese spegne le speranze - Viaggio tra i disperati che cercano di raggiungere l’Europa

La crisi migratoria è tornata sulla bocca di tutti dopo il caso Sea Watch. Se i numeri degli arrivi sono molto diminuiti, c’è una evidente negligenza nei confronti dei diritti umani in Libia. Il Paese, in guerra civile e guidato dal Governo di accordo nazionale (GAN), controllato da milizie che non controllano tutto il territorio, è stato dichiarato «porto sicuro» ed è sostenuto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1