Ricordando la Shoah

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

Ieri a Lugano il direttore del museo polacco Piotr Cywinski: «La gente viene ed esce rattristata: dovrebbe uscire inquieta»

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(Foto Shutterstock.com)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(Foto Shutterstock.com)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità
(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

In visita ad Auschwitz cercando l’autenticità

(FOTO CHIARA ZOCCHETTI)

LUGANO - Tra qualche giorno in Ticino ricorrerà il Giorno della Memoria. Per rimarcare l’evento, ieri all’USI sono stati presentati gli Atti del progetto Lugano città aperta, culminato l’anno scorso con l’inaugurazione del Giardino dei Giusti al Parco Ciani, che intende rendere omaggio a quattro figure di ticinesi che con il loro impegno hanno contrastato l’oppressione e salvato...

©CdT.ch - Riproduzione riservata

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1