Joël Dicker, ginevrino, classe 1985, è uno scrittore da diversi milioni di copie vendute, a partire dal suo clamoroso successo planetario (è stato tradotto in quaranta Paesi) La verità sul caso Harry Quebert del 2013 da cui è stata tratta anche una fortunata miniserie televisiva. Un’eccellenza svizzera nel mondo dei bestseller cui abbiamo posto qualche domanda.

Signor Dicker, quando ha capito di essere diventato davvero uno scrittore?

«Non sono ancora convinto di averlo capito, magari lo farò tra cinquanta anni. Spero di essere ancora all’inizio della mia carriera e che mi resti ancora tanto tempo per mostrare questa mia autentica natura di scrittore».

Quando da piccolo le chiedevano cosa avrebbe voluto fare da grande lei rispondeva lo scrittore. Quando ha cominciato a scrivere il suo primo...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1