Image
Stagione venatoria

La caccia, un racconto tra attese e scrupoli

Domani il via ai cacciatori fino al 22 settembre - Lo scrittore Leo Tuor: «I movimenti degli animali non si possono prevedere. È la cosa che più mi piace in un’era in cui vorremmo programmare tutto, persino la vita e la morte»

«Settembrini non era mai andato a caccia senza tornare con qualcosa. Perciò apprezzava quel ricco mestiere che gli apportava un po’ di carne di tanto in tanto, e a noi sempre nuove storie. “Continuo a raccontare, circondato da resti di storie, di angeli spiaccicati, del cielo stellato, nel quale non ci sono più stelle fisse. Le stelle camminano, quelle con la coda più veloci, quelle...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Città

    Un caffè nel futuro dell’autogestione?

    Secondo la municipale di Lugano Zanini Barzaghi è ancora possibile trovare una forma di convivenza all’ex Macello - Più duro il vicesindaco Bertini: «No ai ricatti»

  • 2
    Allattamento

    Un legame atteso, non un ricatto

    Al via oggi la Settimana mondiale - La psicologa: «La relazione madre-figlio è messa alla prova dalla società contemporanea»

  • 3
  • 4
  • 5
    Verso le elezioni

    In Svizzera l’identità resta garantita

    Una riflessione sullo stato di salute della politica nazionale in vista delle federali e di fronte alle diverse alleanze - Il politologo Marc Bühlmann: «Sarebbe un problema per la democrazia se non ci fossero tante possibili coalizioni»

  • 1