La corsa al vaccino del Sars-CoV-2 è imponente. Più di un centinaio di centri di ricerca stanno studiando un’arma capace di debellare il virus. Ma a che punto siamo? E quali sono le tempistiche? Ne parliamo con Alessandro Diana, pediatra alla clinica Grangettes-Hirslanden e insegnante alla Facoltà di medicina e unità di vaccinologia dell’università di Ginevra (UNIGE).

Il vaccino contro il Sars-Cov-2 è speranza. Desiderio. Lo vogliono tutti, lo vuole il mondo intero. Ma dalla scienza, dalla tecnologia, non si scappa. Bisogna passare dagli studi, dai test, dalle certificazioni, dalla produzione e dalla distribuzione. Variabili pesanti, decisive, che per forza di cose richiedono tempo. Tanto tempo. Si tratta di metodi scientifici sperimentati, ma anche fragili e pieni di incertezza. Ed è proprio...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1