«Il muro di Berlino era una cicatrice sul volto dell’Europa, attraversato da torri con fucili e cani da guardia. Ha cercato di tenere le persone dentro e le idee fuori». Questo era il Muro. Questa era la sua funzione fisica. Questa era la sua funzione ideologica. È la lettura fatta in settimana da Jan Stoltenberg, segretario generale della NATO. Una lettura lucida, che riporta a...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1