A quasi dieci anni dalla morte di Steve Jobs la Apple è più viva che mai e sotto la guida di Tim Cook si appresta ad entrare nell’era dell’iPhone 13 con prospettive che vanno molto al di là di un prodotto vincente. Perché quello di Apple rimane un mondo a sé, unica considerazione che unisca i tanti simpatizzanti e antipatizzanti.

Il nuovo prodotto

In questo settembre il nuovo smartphone dell’azienda di Cupertino inizierà ad essere commercializzato. La data come al solito è incerta, forse martedì 14: strategia di marketing che in tanti altri casi i fedelissimi del marchio hanno apprezzato. Queste le novità di un prodotto dal design abbastanza simile all’iPhone 12: memoria aumentata fino a 1 TB, fotocamere e batterie migliorate, nuovo processore (l’A15). La Apple ha previsto una produzione di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Approfondimenti
  • 1
    Il personaggio

    Luca Frei, un caleidoscopio in continuo divenire

    A tu per tu con uno degli artisti più interessanti della scena contemporanea: nato a Lugano, vive a Malmö in Svezia e insegna all’Accademia reale danese di belle arti a Copenaghen

  • 2
    Scienza

    Bios+, là dove converge la ricerca

    È stata presentata a Bellinzona l’associazione costituita dall’IRB e dallo IOR - Lo scopo: promuovere e coordinare le attività, creando sinergie a livello scientifico e organizzativo - Si è parlato di un «primo e ambizioso passo nel processo di avvicinamento dei due istituti»

  • 3
    Il caso

    «Basta ammazzare delfini, il governo danese intervenga»

    Natalie Maspoli Taylor, direttrice di Sea Shepherd Svizzera, interviene a gamba tesa dopo la mattanza di cetacei avvenuta domenica alle Isole Faroe: «Ci sono troppe contraddizioni in questa storia, il discorso della tradizione e del sostentamento della popolazione non regge»

  • 4
    Ambiente e territorio

    Storia del lupo, l’alter ego simbolico dell’uomo

    Dopo secoli l’animale più temuto della tradizione popolare è di nuovo insediato sui rilievi alpini – La convivenza con gli allevatori e i contadini resta tuttavia difficile – Il peso del messaggio neotestamentario

  • 5
  • 1